Elezioni Pietrasanta, Massimo Mallegni sarà assessore a turismo e cultura - Comune Pietrasanta Versiliatoday.it

Elezioni Pietrasanta, Massimo Mallegni sarà assessore a turismo e cultura

Massimo Mallegni, sindaco uscente di Pietrasanta ed oggi senatore della Repubblica, assumerà l’incarico di assessore al turismo e alla cultura in caso di vittoria del centro destra a Pietrasanta il prossimo 10 giugno. La richiesta era arrivata all’unisono da Alberto Giovannetti, candidato sindaco, ex vice sindaco, assessore e capo gruppo nei tre mandati Mallegni e dalla capolista della Lega, Elisa Bartoli. L’indennità prevista per la figura dell’assessore per queste deleghe sarà destinata ai servizi sociali del comune. “Ci ho pensato a lungo prima di dare la mia disponibilità perché non volevo essere d’ingombro alla nuova amministrazione. – ha spiegato Mallegni – Ho accettato semplicemente perché amo la mia città; per me è un onore continuare a fare l’amministratore e servire la mia comunità. E lo farò da buon soldato. Porterò avanti entrambi i compiti, istituzionali e amministrativi, con energia ed intraprendenza”. Al suo fianco, alla presentazione alla stampa, c’erano sia Giovannetti che la Bartoli.“ Ci siamo permessi – ha spiegato i due candidati – di chiedere la disponibilità di Mallegni per ricoprire la delega del turismo e della cultura per continuare il percorso di crescita turistica, di immagine e promozione internazionale che abbiamo iniziato insieme. Non c’è altro profilo in grado di ricoprire, così come lo intendiamo noi, questo incarico strategico per il nostro progetto amministrativo. E’ un valore aggiunto, un patrimonio da spendere di esperienza, competenza e preparazione. Nella storia della città non c’è mai stata un’opportunità così e noi vogliamo coglierla”. L’ingresso in giunta di Mallegni ha obiettivi precisi: “vorrei portare avanti i progetti che abbiamo iniziato: dal Museo Mitoraj sul quale c’è già un finanziamento del Mibact e che vogliamo raddoppiare come investimento per creare nuovi parcheggi e una nuova piazza: cambieremo il volto anche di quella porzione di città. Così come la Rocca di Sala, per il quale già mi so muovendo, il Salto della Cervia e la via Pisanica. Il neo ministro alla cultura è un conoscitore del nostro territorio. Sarà mio impegno interessarlo. Ma continuare anche a lavorare per portare mostre di livello internazionale coinvolgimento anche i nostri laboratori e fonderie e le imprese del turismo”. Info su www.giovannettisindaco.it

 

(Visitato 333 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 08-06-2018 12:45