Lite davanti alla Bussola, arrestati 4 giovani di Camaiore - Cronaca, Top news Versiliatoday.it

Lite davanti alla Bussola, arrestati 4 giovani di Camaiore

Prosegue l’attività di prevenzione e contrasto alla cosiddetta criminalità diffusa, su tutta la provincia, da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Lucca, nell’ambito dell’operazione “Estate sicura”.

A Marina di Pietrasanta i Carabinieri della Stazione di Camaiore sono intervenuti per una lite avvenuta fuori dalla discoteca “La Bussola”, traendo in arresto quattro giovani di Camaiore, tra i 19 e i 21 anni, tra cui un pregiudicato, per lesioni personali aggravate.

All’uscita dal locale, verosimilmente per futili motivi, i quattro camaioresi hanno aggredito un 22enne di Montignoso, incensurato, cagionandogli un “trauma cranico e facciale con frattura del pavimento dell’orbita oculare sinistra”, giudicato guaribile in 30 giorni salvo complicazioni dal pronto soccorso dell’ospedale unico Versilia.

Non sono ancora del tutto chiare le cause della lite, ma sembra che l’astio tra il ragazzo di Montignoso e uno degli aggressori sia avvenuto all’interno del locale, probabilmente per delle avance troppo marcate nei confronti della ragazza dell’aggressore. La coppia, uscita dal locale non si è però allontanata, ma ha atteso l’uscita del giovane focoso il quale è stato aggredito e picchiato oltre che dal diretto interessato anche da altri tre amici di questo. Il tutto è accaduto intorno alle 3 del mattino. La vittima è stata trasportata da un’ambulanza al Versilia, dove ha soggiornato per diverse ore, tra accertamenti clinici e controlli vari. Dopo le prime cure i Carabinieri hanno anche raccolto una circostanziata denuncia che ha consentito di arrestare i quattro aggressori. Uno di questi era anche in possesso di un documento falso e pertanto è stato denunciato anche per tale reato.

I giovani camaioresi saranno presentati stamattina davanti al GIP per la convalida dell’arresto e il giudizio per Direttissima.

In tarda serata, un equipaggio del Radiomobile della Compagnia CC di Castelnuovo Garfagnana, coadiuvato dai colleghi della locale Stazione, ha arrestato per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, un tunisino di 19 anni, clandestino in Italia.

Il nordafricano,  durante un controllo di polizia manifestava un atteggiamento sospetto tanto da indurre gli operanti a perquisirlo. Infatti, veniva trovato in possesso di:

–    una bilancina di precisione elettronica;

–    n. 3 involucri in cellophane contenenti gr. 21,81 di sostanza stupefacente del tipo eroina;

–    n. 1 involucro in cellophane contenente gr. 2,30 di sostanza stupefacente del tipo cocaina;

–    210,00, euro in contanti, provento dell’attivita’ di spaccio.

L’arrestato è stato trattenuto nella camera di sicurezza della caserma in attesa del rito direttissimo fissato per stamattina.

In Coreglia Antelminelli, i militari della locale Stazione hanno denunciato un 59enne del luogo, il quale, a seguito di controllo presso la propria abitazione, risultava detenere, oltre alle armi regolarmente denunciate, un fucile da caccia e cinque cartucce mai denunciate, che pertanto sono state sequestrate.

In questi giorni i Carabinieri Forestali sono intervenuti in occasione di diversi incendi boschivi che si sono verificati sia in Versilia (Viareggio e Camaiore), sia a Lucca.

In particolare, nella Pineta di Levante di Viareggio i militari della Stazione  Forestale Carabinieri di Pietrasanta hanno accertato 2 focolai d’incendio. In tale contesto è stato identificato un tunisino 37enne la cui posizione è al vaglio degli inquirenti. Nel corso del sopralluogo, peraltro, i militari hanno rinvenuto un involucro contenente 2750 euro e 100 rubli russi, oltre ad una mountain bike verosimilmente di provenienza furtiva.

(Visitato 5.059 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 13-08-2018 9:39