Romagnolo, infermiere e 27enne: è Iacopo Laghi il gay più bello d'Italia - Eventi, Life Style, Top news Versiliatoday.it

Romagnolo, infermiere e 27enne: è Iacopo Laghi il gay più bello d’Italia

Ventisette anni, romagnolo di Ravenna, infermiere al 118 di Modena, fidanzato, è Iacopo Laghi il gay più bello d’Italia, eletto sulla Marina di Torre del Lago. Location della kermess la terrazza Baddy, dove Iacopo è stato incoronato della fascia di nuovo rappresentante italiano della categoria maschile del popolo LGBT per l’anno 2018. Nove candidati in gara, acclamati dal pubblico – una vera e propria clac di fan – e dalla giuria che li ha valutati accuratamente. Tra i giurati anche la stampa, con Letizia Tassinari di Versilia Today, e il Tirreno con Cesare Bonifazi . La Wanda Gastrica, padrona di casa del Mamamia, il celebre locale gay della Marina di Torre del Lago, ha presentato e diretto lo svolgimento di questo concorso di bellezza arrivato ormai alla sua quarta edizione, dopo lo storico “Mister Gay”. Un folto pubblico ha seguito la serata fino alla proclamazione del vincitore che si è svolta a tarda notte. Gli sfidanti hanno sfilato per il pubblico e per la giuria prima in tenuta casual, poi in abiti eleganti e, infine, in costume da bagno. Non facile scegliere tra i 9 belli, tre dal nord Italia, tre dal centro e tre dal Sud. Molte le domande della giuria, tra il serio e il faceto. Nella decisione dei giurati, oltre al fisico, hanno influito le risposte su temi importanti, dalla famiglia alle adozioni. Da oggi il popolo arcobaleno ha un nuovo rappresentante maschile. A Iacopo il compito di portare in Italia un messaggio importante: la normalità dell’essere omosessuale e la battaglia contro l’omofobia.

“Dedico questa vittoria prima di tutto a me stesso – sono state le sue parole “a caldo”: “Non mi aspettavo di conquistare il titolo”. Laureato in scienze infermieristiche, Iacopo ha lavorato in una clinica privata, poi, dopo aver vinto un concorso pubblico si è licenziato e ha scelto come sede del suo lavoro di infermiere la Asl di Modena, anche se spera, in un futuro, di poter tornare nella sua Ravenna. A lui le congrutalazioni di tutta la redazione di VersiliaToday.

(Visitato 2.263 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 17-08-2018 2:30