A ritrovarlo nel sito archeologico Domvs Aemilia di Tassignano è stato il gruppo di archeologi di Capannori. Si tratta di un cane che per oltre 2000 anni è rimasto sepolto sotto il balneum, cioè l’impianto termale. Si tratta del ritrovamento più importante emerso dalla campagna di scavi 2018. Il cane, in buono stato di conservazione, è deposto su un fianco in una fossa ricavata all’interno della fondazione del muro perimetrale ovest del balneum. La costruzione di edifici o insediamenti, infatti, obbediva a prescrizioni magico-religiose ancor prima che tecniche: queste prevedevano il sacrificio di cani e la loro deposizione rituale

(Visitato 363 volte, 1 visite oggi)
TAG:
cane sepolto capannori Tassignano

ultimo aggiornamento: 01-09-2018


Furti a Lucca, arrestato il ladro: dovrà scontare cinque anni di carcere a La Spezia

Ufo in lucchesia: “Oggetto misterioso durante l’Eclissi Lunare”