“L’articolo comparso su La Nazione martedì 4 settembre prospetta una situazione di estrema difficoltà della giunta e dell’amministrazione comunale dopo poco più di un anno dal suo insediamento.  Il Sindaco Murzi ha deciso di replicare, smentendo categoricamente tutte le voci che darebbero la vicesindaco Graziella Polacci fuori dalla giunta”.
A scriverlo è il segretario del PD di Forte dei Marmi Simone Tonini.
“Qualche riflessione deve essere fatta, indipendentemente dalla smentita del sindaco.
La vicesindaco Polacci ha un ruolo importantissimo: è, appunto, vicesindaco. Considerate le molteplici occasioni nelle quali il sindaco Murzi è lontano da Forte dei Marmi (lui stesso ha scritto che in agosto può andare in ferie anche il sindaco del Forte, perché lui lavora), la Polacci si ritrova ad essere per molti giorni l’anno a capo dell’Amministrazione Comunale.
Ma la stessa Polacci appare, a detta di molti, distante dalla vita della macchina amministrativa e distante, anzi distaccata, dalla vita del paese. E’ assessore alla cultura, al turismo e al demanio ma appare scollegata da tutto. Non ci sarebbero rapporti con le categorie, si è poco disponibili al confronto, così viene detto. Di sicuro non ci sono i risultati: la promozione turistica è inesistente, quel poco che si è visto lo si è fatto copiando ciò che è stato fatto in passato. Ma in peggio: se non si promuovono gli eventi, meglio non farli. Mancano le idee, le propose innovative. Manca un’organizzazione, è evidente: facile da sbandierare in campagna elettorale, così difficile da attuare.
L’assessore Polacci rifugge da ogni argomentazione politica fortemarmina.
Chiude il Museo Satira? La vicesindaco Polacci non dice niente e non prende posizione.
La biblioteca riapre?  La vicesindaco Polacci non dice niente riguardo il primo e secondo piano di Palazzo Quartieri, dove resta ancora il cantiere aperto. La biblioteca verrà aperta ora, con la “stordellata”, per poi essere chiusa di nuovo tra un paio di mesi? Lei assessore sa niente? Lo dica anche al popolo!
A Villa Bertelli che succede? La sala di lettura sarà tolta o meno? L’assessore alla cultura e al turismo non pervenuto: ci dica qualcosa!
E quale sarà la programmazione degli eventi? Anche qui l’assessore non parla, non dice, non si esprime, mai. Niente da dire sulla figuraccia di Grado; nessuna parola sulla inesistente promozione degli eventi estivi. Solo la mancanza di capacità di pianificazione è evidente.
L’assessore Polacci non si assume mai responsabilità politiche. E’ una balneare, ha uno stretto rapporto con la categoria, ha ottenuto tante preferenze. Ma per molti non è più la Graziella Polacci conosciuta da Presidente dei balneari: è un’altra cosa e sta sorprendendo in negativo. Dubitiamo che Murzi la tolga dalla giunta così come dubitiamo che la partecipazione alla fiera di Rimini possa risollevare le sorti di una gestione pessima della promozione turistica.
Speriamo che d’ora in avanti la vicesindaco nonché assessore a Turismo e Cultura e Demanio Graziella Polacci si dimostri amministratrice attenta e preparata, con idee proprie e voglia di fare, inserita nelle dinamiche cittadine. Coraggio, siamo già a settembre e la stagione ormai è finita da un pezzo. A proposito, ma tutti coloro che si riempivano la bocca con la parola “destagionalizzazione” dove sono finiti?
Assessore Polacci un’ultima domanda: per il futuro, il Forte le va bene così oppure ha qualche idea?
Se ne avesse ce le dica, perché finora di idee non ne abbiamo né viste né sentite”.
(Visitato 408 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Forte dei Marmi graziella polacci pd

ultimo aggiornamento: 05-09-2018


Far west a Forte dei Marmi tra venditori africani: la denuncia di Luca Pedretti

Incontro in comune tra il sindaco Murzi e l’onorevole Buratti