Via Francigena

Un timbro per le credenziali dei pellegrini che attraversano il territorio di Seravezza. Lo realizzerà il Comune, che lancia un concorso per l’ideazione grafica del sigillo. «I viandanti che per ragioni devozionali o per turismo compiono il pellegrinaggio lungo la via Francigena toccano un punto importante della Versilia – la località di Ripa –, crocevia tra l’antico itinerario religioso e il percorso culturale della via dei marmi e di Michelangelo, non lontano dal futuro parco archeologico della Rocca di Corvaia e dal punto di accoglienza che tra qualche mese sarà disponibile per i viandanti presso il nuovo oratorio della chiesa di Sant’Antonio Abate», spiega l’assessore alla promozione e valorizzazione del territorio Giacomo Genovesi. «Si stanno lentamente creando i presupposti affinché Ripa diventi un punto nevralgico lungo l’itinerario della Francigena, non di semplice passaggio ma di sosta e di visita e scoperta della zona. È ciò che desideriamo favorire in tutti i modi: il timbro del pellegrino di Seravezza, che chi vorrà potrà richiedere ed apporre sulla propria Credenziale di viaggio, non è che un piccolo strumento, un segno di riconoscimento e di memoria del passaggio sul nostro territorio».

Per la realizzazione grafica del sigillo il Comune di Seravezza ha deciso di percorrere la strada del concorso pubblico. Chiunque desideri sottoporre la propria idea potrà farlo inviando il proprio elaborato grafico entro il prossimo 30 novembre. Poche e semplici le linee guida: la proposta grafica dovrà essere originale e non contenere marchi o segni coperti da copyright, rispettare le dimensioni finali del timbro (cm 3×3 se quadrato; diametro 3 cm se rotondo), contenere obbligatoriamente la dicitura “Città di Seravezza” e, a livello di soggetto, riportare alcune caratteristiche di riferimento del territorio comunale.
Il Concorso è aperto a tutti: persone fisiche, enti, associazioni, studenti, esperti e professionisti della comunicazione, singolarmente o in gruppo. La partecipazione è libera e volontaria. Non è richiesta alcuna quota di adesione, ma non sono neppure previsti premi, se non la soddisfazione di veder selezionata e utilizzata la propria grafica. La scelta del disegno da utilizzare per il timbro sarà operata da una commissione composta dal sindaco Riccardo Tarabella (o, in alternativa, dall’assessore alla promozione e valorizzazione del territorio) e da tre membri scelti tra studiosi ed esperti locali. Tramite il concorso il Comune acquisirà i pieni ed esclusivi diritti di utilizzo del disegno; l’uso del timbro sarà affidato all’Ufficio Cultura, alla Fondazione Terre Medicee e ai gestori dell’Ufficio informazioni turistiche del Comune di Seravezza. La grafica potrà essere concessa in uso ad agenzie ed associazioni.

Il bando integrale è disponibile in forma cartacea presso la biblioteca “Sirio Giannini” a Palazzo Mediceo. Facendone richiesta se ne potrà ricevere una copia per posta elettronica. Per tutte le informazioni e i chiarimenti si può chiamare il numero 0584 757770/1 (dal lunedì al venerdì dalle ore 14:30 alle ore 18:30) o scrivere a [email protected].

(Visitato 104 volte, 1 visite oggi)