“Questa mattina ho sorvolato le aree colpite dall’incendio sui monti pisani”

Lo scrive sulla sulla sua pagina FB il presidente della Regione Enrico Rossi:

“Protezione Civile e squadre regionali hanno dimostrato una grande capacità di intervento e un’altissima efficienza. Tutte le operazioni di spegnimento sono state dirette dall’organizzazione regionale dell’antincendio boschivo e i compiti della Regione sono stati esercitati nel miglior modo possibile. I sindaci, i militari, i Vigili del Fuoco, la Protezione civile regionale e nazionale, i forestali, i volontari, in tutte le fasi dell’intervento, hanno operato con grande competenza ed energia. E’ stato fatto un ottimo lavoro nelle ore che hanno preceduto l’arrivo dei mezzi e, poi, i voli sono stati diretti con una tecnica magistrale.
Adesso dobbiamo passare alla fase successiva. Purtroppo siamo di fronte a un vero e proprio disastro ambientale. Ora è il momento di mettersi al lavoro per ripristinare l’equilibrio naturale e bisogna operare pesantemente.
Con i sindaci abbiamo discusso delle richieste da presentare al Governo. Nelle prossime ore procederemo alla conta dei danni per chiedere lo stato di emergenza nazionale (per le aree private e pubbliche) e lo stato di calamità (per le aree agricole). Intanto già da oggi sul sito della Regione saranno disponibili i moduli per richiedere il risarcimento dei danni subiti dalle attività agricole.
Per martedì abbiamo convocato una riunione dedicata agli interventi di salvaguardia per impedire dilavamenti, frane, allagamenti dovuti al terreno diventato impermeabile. Serve intervenire massicciamente prima della stagione delle piogge. Ma il bosco ricrescerà. Faremo una manutenzione attenta, interventi selettivi con una pianificazione di qui ai prossimi dieci anni. Vogliamo che il Serra torni ad essere quello di prima, anzi più bello
In questo momento, mi tornano in mente le parole pronunciate da un’anziana signora sistemata in un centro di ricovero per l’emergenza: “Per fortuna non siamo morti, a tutto il resto si rimedia”.

(Visitato 228 volte, 1 visite oggi)

Defibrillatori, la Toscana sempre più cardioprotetta

Ospedale Versilia: “Come dovrebbe funzionare un Pronto Soccorso”