In autostrada con il revolver pronto a far fuoco: arrestati

La Polizia Stradale di Arezzo ha arrestato due persone sorprese sulla loro auto con una pistola a tamburo già carica con cinque colpi. E’ accaduto martedì notte quando una pattuglia della Sottosezione di Battifolle, impegnata a perlustrare l’A/1 per neutralizzare quelli che usano le strade per i loro loschi traffici, ha intravisto nell’oscurità una Punto nera vicino Civitella Val di Chiana (AR).

I poliziotti hanno intuito dalle facce dei due personaggi, di 29 e 50 anni originari della Campania, che quelli stavano tramando qualcosa e, quindi, gli hanno intimato l’alt, indirizzandoli verso un’area di parcheggio. I due hanno fatto finta di entrarci ma, all’improvviso, il conducente ha sterzato per sottrarsi al controllo. Gli è andata male poiché la pattuglia, con un rapido colpo di gas, li ha affiancati in modo da chiudergli ogni via di fuga, costringendoli così a fermarsi.

Dopo avergli rivoltato l’auto come un calzino, gli investigatori hanno trovato sotto il sedile un revolver calibro 38 con il colpo già in canna e la matricola abrasa, nonché 86 cartucce. Alla richiesta di spiegazioni i due malviventi, pregiudicati per rapina e falso, si sono chiusi la bocca senza dire una parola.

La Polstrada li ha arrestati per detenzione di arma clandestina, sequestrando loro pistola, cartucce e auto. Ora gli investigatori dovranno risalire al proprietario dell’arma, nonché verificare se è stata utilizzata per commettere altri misfatti

Aggiornato il: 17-10-2018 10:31