Nella serata di ieri 18 ottobre militari della Stazione Carabinieri di Quarrata, unitamente a personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Pistoia, della Polizia Municipale di Quarrata e dell’ASL di Pistoia, nell’ambito di mirati servizi finalizzati a contrastare le violazioni della normativa sul lavoro, hanno fatto accesso all’interno di un capannone ubicato in Quarrata Via del Casone ove hanno proceduto al controllo di azienda tessile la cui titolare è stata identificata nella cittadina cinese Z. X. 50enne residente a Prato. Gli operanti hanno sorpreso undici connazionali del datore di lavoro intenti a cucire e confezionare abiti i quali risultavano essere lavoratori assunti in nero nonché tutti sprovvisti di permesso di soggiorno pertanto clandestini sul territorio nazionale. Si è accertato che erano sottoposti a ritmi di lavoro serrati e molto pesanti essendo impiegati quotidianamente almeno per dieci ore e con una paga connessa ai risultati conseguiti ma che non superava, nella migliore delle ipotesi, i quaranta euro giornalieri. Si è proceduto al sequestro dell’azienda e di tutto il materiale in essa contenuto. La titolare è stata dichiarata in stato di arresto per sfruttamento della manodopera clandestina e sfruttamento del lavoro. Al termine delle formalità di rito è stata condotta presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari come disposto dall’Autorità Giudiziaria competente. I clandestini sono stati sottoposti a rilievi segnaletici ed è in atto la procedura per la notifica del decreto di espulsione dal territorio nazionale.

 

(Visitato 494 volte, 1 visite oggi)
TAG:
carabinieri lavoratori senza permesso di soggiorno quarrata

ultimo aggiornamento: 19-10-2018


Mussi – Femiano – Lombardi: la Polizia ricorda la strage di Querceta

Prostituzione, multe per 16mila euro