Lettera aperta del Mondo che Vorrei  ai familiari delle vittime del ponte Morandi – Genova

“Il Mondo Che Vorrei ONLUS è l’associazione di familiari delle vittime che è nata dopo la strage ferroviaria di Viareggio del 29 giugno 2009, dove sono state ammazzate 32 persone che riposavano al sicuro nelle loro case.

Dopo 9 anni da quel giorno stiamo ancora combattendo una battaglia di civiltà per ottenere verità, giustizia e sicurezza; il 13 novembre prossimo avrà inizio il processo d’appello…poi ci sarà la cassazione…quanto tempo ancora dovrà passare prima che possiamo piangere in pace i nostri figli morti….

Il vostro dolore è anche il nostro perchè sappiamo! Sappiamo cosa state passando, sappiamo come state vivendo e sappiamo quello che ancora, dolorosamente, dovrete affrontare: il processo.

Ancora non immaginate cosa significa affrontare un processo: il dolore si assommerà al dolore, sarete umiliati, offesi e vi faranno sembrare che la colpa sia stata dei Vostri cari che passavano proprio di lì; si arrampicheranno sugli specchi pur di difendersi, non avranno nessuno scrupolo, nessuna coscienza!

Eppure dovrete affrontarlo, lo dovrete sostenere e lo dovrete difenderee per farlo dovrete avere dei buoni avvocati e dei buoni consulenti che, è la realtà, costeranno tanti, tanti soldi.

E’ disgustoso parlare di soldi dinanzi alla morte, ma ci tocca fare anche questo! Perchè per i vostri figlio, per vostro fratello o sorella, per i vostri genitori lo farete! E, come noi, sarete lì, ad ogni udienza per sapere perchè è morto, per dargli Giustizia e perchè chi di dovere impari e non accadano mai più tragedie annunciate come le nostre e tante altre.

E se tutto questo non lo farete voi, nessuno lo farà per voi, non vi verrà regalato niente…

Siamo qui per dirvi che voi familiari delle vittime dovete chiedere e pretendere che vi venga elargita la Legge Viareggio! Con questi soldi che lo Stato ci ha elargito abbiamo potuto affrontare le ingenti spese di avvocati ma soprattutto dei consulenti ed abbiamo potuto rifiutare il “ricatto”dei soldi delle assicurazioni; così facendo ci avrebbere escluso dal processo come parti civili…avrebbero avuto più campo libero ed i nostri figli che non ci sono più sarebbero stati “soli” in questo dolorosissimo percorso.

La “Legge Viareggio” l’hanno chiesta ed ottenuta i familiari della strage ferroviaria di Andria e Corato; l’hanno chiesta i familiari della strage di Rigopiano…ancora non sappiamo…

Non cedete a facili risarcimenti! Tutti insieme, e noi vi possiamo sostenere se volete, pretendete la Legge Viareggio; in questo modo avrete la possibilità di far fronte alle prime vostre necessità ma, soprattutto, potrete rifiutare il “ricatto” delle assicurazioni e potrete affrontare un lungo procedimento penale senza aver paura o non fare le cose che è giusto e doveroso fare per la verità e la giustizia  per i vostri cari che, scellerati arroganti e avidi individui, hanno lasciato morire consapevolmente”.

 

(Visitato 218 volte, 1 visite oggi)
TAG:
genova il mondo che vorrei ponte morandi strage viareggio vittime

ultimo aggiornamento: 23-10-2018


Bimbi e natura. “Liberi di camminare”: un grande successo per “Fare Verde Gruppo Versilia”

Violenza a danno degli operatori sanitari, le misure urgenti della Regione per contrastarla