Schianto mortale sul lungomare di Marina di Pietrasanta, l’investitore, Giuliano Scivoletto, il 31 enne originario della Germania ma residente a Porcari, è risultato negativo ad alcol e droga. I risultati degli esami fatti due giorni fa, quando gli agenti della Polstrada hanno accompagnato all’ospedale il conducente della Seat Leon grigia che ha investito i tre 19enni appena usciti dal Seven, fuggendo e poi costituendosi, sono arrivati questa mattina, come confermato dal comandante regionale Paolo Pomponio.

Prelievi del sangue, e delle urine, fatti comunque a distanza di quasi 12 ore dall’incidente, il cui risultato, negativo, era pressocchè scontato.

Nel sinistro, che ha visto coinvolti i tre studenti, Michela Sotgia è morta ieri sera alle 19 all’ospedale di Cisanello, dove era arrivata in condizioni disperate, e solo un miracolo avrebbe potuto salvarla,  mentre Paolo Francesco Macchitella, un pugliese di Ostuni  – in provincia di Brindisi –  dopo essere stato sottoposto a un intervento chirurgico è ancora ricoverato all’ospedale di Livorno e Lorenzo Pettinari, originario di Macerata, abitante a Camerino, figlio del rettore dell’Università, è all’ospedale Versilia in terapia intensiva.

Intanto le indagini da parte della Polizia Stradale proseguono, per ricostruire nei minimi particolari quanto accaduto nella notte di Halloween sui viali a mare difronte al Seven. Gli inquirenti, coordinati dalla Procura di Lucca, hanno acquisito le immagini di tutte le telecamere di video sorveglianza, che sono ora al vaglio per poter capire cosa sia successo sia prima che dopo l’impatto. La Polstrada ha comunque chiesto alla Procura l’autorizzazione per sottoporre a nuovi esami Scivoletto, in particolare quello sui capelli, per verificare con esatezza che lo stesso non abbia assunto sostanze psicotrope. Intanto si indaga anche sul passeggero, che se individuato verrà denunciato per omissione di soccorso.

Il conducente, difeso dagli avvocati Marco Treggi e Federico Corti, è indagato a piede libero per omicidio stradale, lesioni colpose gravissime e omissione di soccorso.

 

(Visitato 3.657 volte, 1 visite oggi)

Omicidio stradale, si aggrava la posizione per il 31enne che ha investito Michela Sotgia

Beccato in A12 con 16 chili di droga finisce in cella