Il Polo Nord nel 2016, il bosco nel 2017. E quest’anno? Quale tema avrà ispirato le donne del borgo di Cafaggio per l’allestimento del loro sorprendente presepe ecologico? Per saperlo basta andare a vedere con i propri occhi. Si resterà ancora una volta a bocca aperta per quello che Antonella, Patrizia, Grazia, Lida, Elide ed Enrica sono riuscite a fare utilizzando solo plastica da riciclo, soprattutto bottiglie e fondi delle cassette della frutta modellate con forbici e tanta fantasia nell’arco di ben quattro mesi. «Un impegno che di anno in anno ci permette di creare un’atmosfera natalizia nel cuore dell’antico borgo e, allo stesso tempo, di passare tanto tempo assieme», dicono le autrici. «Non partiamo mai con un’idea precisa: man mano che si taglia esce il tema e la composizione prende forma».

Il presepe eco-friendly di Cafaggio è stato inaugurato sabato alla presenza del sindaco Riccardo Tarabella e di numerosi amministratori comunali e cittadini. «Anche stavolta facciamo i nostri complimenti alle donne del borgo per l’incredibile allestimento che hanno realizzato e per il bel messaggio che danno alla comunità, legato al riciclo e al recupero dei materiali di scarto», dice il consigliere delegato all’associazionismo Francesca Bonin. «Consigliamo a tutti di non mancare di fare una visita a questo originale presepe durante le festività».

(Visitato 59 volte, 1 visite oggi)

Lady Oscar e la Stella della Senna alla corte di Maria Antonietta, il musical a Pietrasanta

Rupe di Corvaia: firmata la convenzione pubblico-privato per il recupero dell’area