Giovedì 13 dicembre si è tenuto, a Lucca, nei locali dell’ISI Pertini di Lucca la manifestazione “Insieme per la legalità. Incontro con Giovanni Impastato”. L’evento, fortemente sostenuto dalla dirigente, prof.ssa Daniela Venturi, è stato promosso dal Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei diritti umani e dall’ass. Libera contro le mafie, si è inserito a pieno titolo tra le azioni di sensibilizzazione della cultura della legalità.

Importanti i patrocini ricevuti: la Camera dei Deputati; il Comune di Lucca; la Provincia di Lucca; l’UST di Lucca e Massa Carrara.

Nella prima mattinata sono intervenuti via streaming l’on. Elisabetta Barbuto, Commissione Giustizia, e l’on. Piera Aiello, Commissione Antimafia della Camera dei Deputati, le quali hanno messo in risalto l’importanza del ruolo della scuola nella formazione della coscienza critica. Infatti il compito di ogni comunità educativa risulta fondamentale affinché, nelle coscienze dei più giovani, le regole vengano percepite non come qualcosa di astruso e lontano dalla propria realtà, ma come fondamento di una società civile e pacifica in cui ognuno, svolgendo il proprio compito con onestà e serietà, contribuisca alla creazione di un futuro migliore per tutti.

La ds, prof.ssa Daniela Venturi, ha salutato gli ospiti, gli studenti e i docenti presenti, sottolineando l’impegno dimostrato da tutto il personale scolastico per il raggiungimento dell’obiettivo comune di un’istituzione scolastica: formare i futuri cittadini all’insegna dei valori della legalità collocare l’esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell’ambiente.

L’obiettivo è stato quello di favorire un concreto avvicinamento anche “fisico” tra la scuola e le istituzioni. La tematica dell’educazione alla legalità è fondamentale e le giovani generazioni hanno bisogno, mediante l’azione sinergica delle famiglie, della scuola e dello Stato di improntare la loro crescita morale e culturale sulle solide basi della democrazia, della condivisione, della solidarietà, del rispetto, del dialogo e dell’accoglienza. Siamo convinti, che, ancora di più oggi, solo attraverso l’educazione alla legalità e ai diritti umani si possano diffondere i valori dell’etica morale, della giustizia, del rispetto della persona umana, della libertà, della democrazia nelle future generazioni.

In tale contesto la prof.ssa Daniela Provenzano e prof. Romano Pesavento hanno presentato svariati elaborati e progetti a cura degli studenti .

La manifestazione è stata veramente emozionante: gli studenti hanno dimostrato, attraverso le arti figurative, teatrali e musicali, di aver introiettato e condiviso a pieno i contenuti e le tematiche del percorso proposto.

Toccante è stato il contributo fornito da Giovanni Impastato autore del libro “Oltre i Cento Passi” e fratello di Pepino Impastato; il quale durante il suo intervento ha esortato gli studenti a studiare e ad essere curiosi durante la loro vita.

Presenti all’incontro il sindaco di Lucca, prof. Alessandro Tambellini, l’ass. comunale all’istruzione, prof.ssa Ilaria Vietina, l’ispettore Superiore della Polizia di Stato Massimo Sodini, la referente dell’UST di Lucca e Massa Carrara prof.ssa Monica Mariti e alcuni referenti dell’ass. Libera contro le mafie. Durante la mattinata sono intervenuti in streaming alcuni studenti appartenenti agli istituti scolastici coinvolti (Liceo scientifico “Filolao” di Crotone; IIS Pertini – Santoni di Crotone) ponendo domande e riflessioni. Un ringraziamento speciale va al tecnico dell’ISI Pertini di Lucca, Michele Bianchi; all’animatore digitale, prof. Andrea Guastini; la prof.ssa Veronica Radici; la prof.ssa Adele Donnici; la prof.ssa Maria Antonietta Bardino, la prof.ssa Giusy Isgrò; prof. Ronny Donzelli; prof. Paolo Battistini e il prof. Bruno Rizzi che hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento.

(Visitato 54 volte, 1 visite oggi)

Influenza, nessun allarme: “In Toscana non c’è carenza di vaccini”

Carabinieri, cambio al comando di tre stazioni