Un disegno di legge di prossima discussione al Senato presentato dal senatore Massimo Mallegni punta ad inserire nel codice penale il “reato di istigazione a commettere azioni pericolose mediante strumenti informatici” con pene gravissime: si va dalla reclusione da sei mesi a tre anni, oltre a sanzioni pecuniarie.

(Visitato 207 volte, 1 visite oggi)