Carnevale di Viareggio 2019, ecco la novita: la giuria alternativa!!!

Dieci i giurati (in ordine alfabetico) che saranno chiamati ad esprimersi sui carri di prima categoria: – Enrico Dal Pino (fotoamatore storico del Carnevale di Viareggio) – Alessandro De Plano (videomaker storico del Carnevale di Viareggio) – Gianluca Domenici (cantautore del Carnevale di Viareggio) – Sergio Iacopetti (La Nazione) – Tommaso Lucchesi (opinionista e commentatore per ReteVersiliaNews) – Andrea Paci (deejay storico del Carnevale di Viareggio) – Stefano Pasquinucci (Presidente della Fondazione Carnevale 2014) – Renzo Pieraccini (co-autore dell’Enciclopedia del Carnevale di Viareggio) – Alessandro Santini (Presidente della Fondazione Carnevale 2011-2012-2013) – Letizia Tassinari (VersiliaToday)

Il progetto è nato da un’idea di Franco Bertuccelli nel suo gruppo Facebook “Votiamo i carri del Carnevale”.

Saranno 7 i parametri fondamentati di voto a cui i giurati dovranno attenersi:

MODELLATURA

COLORE

MOVIMENTI

IMPATTO SCENOGRAFICO (comprensivo di coreografia e colonna sonora)

ALLEGORIA E SIGNIFICATO

ORIGINALITA’ E INNOVAZIONE

RESA NOTTURNA

REGOLAMENTO GENERALE:

– Ciascun giurato dovrà dare un voto numerico per ciascun parametro ad ogni singolo carro di prima categoria.

– I voti dovranno andare da un minimo di 5 ad un massimo di 10 punti per ogni parametro.

– Ogni carro avrà così 7 votazioni numeriche per ogni giurato.

– Verranno a formarsi sette classifiche, una per ciascun parametro (miglior modellatura, miglior colore, migliori movimenti, ecc…)

– La graduatoria generale, data dalla somma delle classifiche dei sette parametri, andrà da un minimo di 350 punti (media del 5) ad un massimo di 700 punti (media del 10).

– La classifica finale verrà decretata dall’ordine crescente dei punteggi finali ottenuti da ciascun carro.

I dieci giurati potranno esprimere liberamente i loro giudizi, compilando un’apposita scheda di giudizio, a partire dal primo corso di Carnevale – spiega l’ideatore -: “ancora da stabilirsi la data in cui saranno resi noti i verdetti di questa giuria (i sette “premi speciali” dati dalle classifiche dei singoli parametri e la classifica generale data dalla somma di tutti i punteggi), ma presumibilmente sarà il penultimo giorno di Carnevale, ovvero lunedì 4 marzo, in modo così da evitare qualsiasi possibile influenza sul lavoro della giuria ufficiale, che a quel punto avrà già fatto il suo lavoro.
Questo esperimento non vuole in alcun modo delegittimare il lavoro della Fondazione e della giuria ufficiale selezionata dalla Fondazione; ne tanto meno vuole essere strumento di offesa nei confronti del lavoro incredibile che ogni anno fanno i Maestri Carristi. Vuole essere solo quello che è: un gioco, fatto in buona fede, sospinto solo dalla passione per il Carnevale e dalla voglia di confrontarsi tra appassionati di Carnevale, uno spunto di riflessione e di confronto, un momento di condivisione di pareri civili e fatti con buon senso”.

Viva il Carnevale di Viareggio, sempre e comunque!

 

(Visitato 2.195 volte, 1 visite oggi)