Quando  gli  scrittori  incontrano  la  diversità…  scrivono.  E  a  volte  sanno farlo  bene:  con  intelligenza  e  misura.  Con  affetto  e  rispetto,  ironia    e simpatia piena  d’amore.  È  nata  da questa idea di fondo l’iniziativa   “Tra   scrittura   e   disagio   –  Tre  narratori contemporanei  raccontano le  diversità”, in programma venerdì 29 marzo, giovedì 4 e 11 aprile, sempre alle 18 in Sala Granai (piazza Ospitalieri).
L’amministrazione comunale  ha  scelto  tre  di  questi libri,   editi   recentemente,  e    insieme  ai  loro autori  e  tre    apprezzati professionisti  del  mondo  del  disagio  li  ha  trasformati  in  tre  occasioni  di conoscenza,  discussione  e  confronto  con  al  centro  “loro”,  le  persone  con disabilità.  Ovvero  quanti,  nel  già  difficile  “mestiere  di  vivere”,  per  motivi fisici  o  psichici,  trovano  ancora  più  difficoltà,  faticano  di  più,  stentano  a trovare  un  ruolo  e  un  senso  in  una  società  che,  magari  li  compatisce,  ma  fa poco  per  comprenderne veramente  ragioni  e bisogni. I tre incontri, a ingresso libero, sono introdotti e coordinati da Luciano Luciani.
Si comincia venerdì 29 con Sandro Bartolini, autore di “Cento palazzi e un orto”, edito da Maria Pacini Fazzi Editore. Accanto a lui ci sarà Tiziana Luciani, psicologa   e psicoterapeuta. Giovedì  4  aprile,  stessa  sede  e  stesso  orario,  Stefano  Tofani,  autore di “Fiori  a  rovescio”  (Nutrimenti  Mi  2018),  sottopone  le  sue  pagine  alle riflessioni   critiche   di   Alessandra   Giuntoli,   docente   e pedagogista clinica. Infine, giovedì  11  aprile, Franco  Bellato,  psichiatra  e  psicoterapeuta  analitico, prende  in  esame  la  “storia  di  vita”  dello  scrittore  romano  Iulian  Emil Murgoci,   “L’uomo  di  ferro”,  (La  Zisa  Pa  2018),  che  con  le  proprie considerazioni  chiude la  discussione.
(Visitato 66 volte, 1 visite oggi)
TAG:
altopascio disabilità disagio scrittura

ultimo aggiornamento: 20-03-2019


Le auto del mito a Tonfano, in via Versilia la storia delle quattro ruote

Torna “Camaiore sacra”