Come tutti gli anni dal 1° aprile parte il periodo in cui è consentita la raccolta dei funghi nel Parco di San Rossore, con la speranza che arrivi un po’ di pioggia per contrastare la siccità. In primavera iniziano a proliferare le morchelle e i tanto apprezzati pioppini, mentre bisognerà attendere l’autunno per i porcini, le russole e i cantarelli (più noti come gallinacci o finferli). Ecco come fare per richiedere o rinnovare il tesserino necessario per svolgere l’attività nel territorio del Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli. Per il rinnovo, valido fino al 31 dicembre, è necessario effettuare il pagamento della quota annuale di 16 euro e conservare la ricevuta di pagamento da esibire in caso di controlli.

Chi invece non possiede il tesserino e lo vuole richiedere deve compilare l’apposita domanda e inviarla a [email protected]  (info sul sito alla sezione ‘Vivere il Parco – Cosa fare – Raccolta sottobosco’, oppure chiamando il numero 050539355 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14) e superare un colloquio che verte sulle normative per la raccolta dei funghi nel Parco e sulle modalità di comportamento. Bisogna conoscere le zone dove è consentito l’accesso e come si raccolgono i funghi per non rovinare il sottobosco, e in generale le semplici regole che servono a garantire una fruizione sostenibile e responsabile del territorio. La raccolta è consentita tre giorni alla settimana (domenica, martedì e giovedì), per un massimo di 1 chilo a specie o 2 chili in totale, fanno eccezione le morchelle per le quali il limite massimo è di 30 esemplari, data la loro delicatezza. Per alcune specie la dimensione minima della cappella deve essere di 3-4 centimetri per preservare i piccoli esemplari, mentre tutti i funghi raccolti devono essere depositati in contenitori areati come cestelli di vimini. I fruitori sono invitati, prima del consumo dei funghi raccolti, a portarli all’ispettorato micologico delle Asl per stabilirne la loro commestibilità, un servizio gratuito che fornisce le corrette indicazioni per il consumo. Per saperne di più: il Parco dispone di una guida dal titolo ‘I funghi del Parco’ disponibile nei centri visita.

Ecco un breve decalogo utile come guida alla raccolta e al consumo dei funghi

– Non raccogliere indiscriminatamente tutti i funghi, per non devastare l’equilibrio dell’ecosistema
– I funghi vanno raccolti interi per consentire la corretta individuazione della specie
– È vietato ricorrere all’uso di vanghe, zappe e strumenti che potrebbero danneggiare il sottobosco
– I funghi vanno raccolti sani e non se in cattivo stato, gli esemplari non raccolti devono essere lasciati tal quali e non distrutti
– I funghi raccolti devono essere trasportati in contenitori aerati per la disseminazione delle spore
– Non mettere i funghi sospetti insieme ai funghi buoni e non regalare funghi se la loro commestibilità è incerta
– La cottura, l’essicamento o altri trattamenti non servono a rendere commestibili i funghi velenosi
– Tutti i funghi commestibili vanno consumati ben cotti
– Evitare di far consumare funghi a bambini, donne in gravidanza o allattamento, anziani, persone che presentano intolleranza a particolari alimenti, farmaci o affette da patologie gastriche, epatiche, pancreatiche, renali, senza il consenso del medico
– I funghi commestibili vanno mantenuti in contenitori rigidi e aerati ed in luogo fresco e devono essere consumati, o effettuate le operazioni di conservazione, in tempi brevi

(Visitato 197 volte, 1 visite oggi)