A Lucca un convegno nazionale di psichiatria riabilitativa

Lucca ospita un convegno nazionale sulla psichiatria riabilitativa, giovedì 4 e venerdì 5 aprile al Real Collegio.

L’iniziativa è promossa da Uneba-Unione istituzioni e iniziative di assistenza sociale, insieme alla Scuola superiore di scienze dell’educazione San Giovanni Bosco di Firenze e alla Scuola di psicoterapia integrata di Massa e servirà ad attivare un confronto culturale, non soltanto fra gli addetti ai lavori, per costruire interventi che siano sempre più orientati alla prevenzione, all’inclusione educativa e a una riabilitazione più incisiva, che avvenga fin dalla prima infanzia.

Il convegno parte dall’assunto che la riabilitazione è, di fatto, una vera e propria cura, un intervento cardine dell’agire in psichiatria. L’attenzione alla persona, alla famiglia, alla relazione che si crea fra medico e paziente, la qualità della relazione che si trasforma in qualità della vita del paziente richiedono un nuovo modo di lavorare che sia interdisciplinare e interistituzionale. E proprio grazie all’interlocuzione con il Comune si è creata una rete fra enti e associazioni locali, fra le quali l’Azienda USL Toscana nord ovest, la Fondazione Tobino, la Società Medico Chirurgica Lucchese, l’Ordine dei Medici e altre associazioni come Alap e Archimede che da anni operano nel settore e che interverranno alle due giornate di approfondimento al Real Collegio.

“Lucca è un territorio dove le buone pratiche riabilitative – afferma il sindaco Alessandro Tambellini – hanno trovato un terreno molto fertile. Il Comune da parte sua è impegnato a promuovere un lavoro di rete fra le istituzioni che oggi più che mai rappresenta la strategia vincente per affrontare la complessità”.

Il convegno si articola in sei seminari nell’ambito dei quali verranno affrontati temi diversi, dai disturbi di personalità e psicosi ai disturbi alimentari nell’età evolutiva, dalla riabilitazione psichiatrica in età adulta, con i modelli di intervento, la progettazione della rete territoriale dei servizi e dei percorsi di inclusione, fino alla Rems- Residenza esecuzione misure di sicurezza detentiva, con l’esigenza di coniugare la sicurezza con gli obiettivi riabilitativi individuali. Un seminario sarà dedicato in maniera specifica all’autismo, con l’intento di fare il punto sul disturbo autistico sottosoglia, una delle novità della psichiatria del Terzo Millennio. I seminari si svolgeranno tutti in contemporanea la mattina del 5 aprile e al termine è prevista una sezione plenaria. Nella prima giornata, il 4 aprile, dopo i saluti istituzionali verrà proiettato il cortometraggio “Il sogno d’oro”  sull’arte-terapia applicata al cinema e nel pomeriggio si parlerà di “Storia e scenari di sviluppo dei servizi territoriali di prevenzione e riabilitazione psichiatrica con cure sostenibili per le famiglie e le istituzioni”.

Il convegno è patrocinato, oltre che dal Comune di Lucca, dall’Azienda USL Toscana nord ovest, dalla Provincia di Lucca, dalla Fondazione Crl, dalla Fondazione Tobino, dalla Società italiana medicina psicosomatica, dalla Società italiana di psichiatria di consultazione, dalla Alta scuola italiana per la lotta allo stigma.

Aggiornato il: 29-03-2019 11:49