Sarà Michel Ocelot, regista francese, star dell’animazione internazionale, il protagonista della seconda giornata del Lucca Film Festival e Europa Cinema, in programma, domenica 14 aprile, alle 21, al cinema Astra di Lucca. Il cineasta, conosciuto per aver creato e diretto i lungometraggi come “Kirikù e la strega Karabà” (1998) e “Azur e Asmar” (2006), riceverà il premio alla carriera e presenterà il suo ultimo film di animazione Dilili a Parigi”.

Il film uscirà il 24 aprile nelle sale italiane con Bim e Movies Inspired.  Ambientato nella Parigi della Belle Époque, il piccolo Kanak Dilili, in compagnia di un ragazzo che fa le consegne in motorino, indaga sul misterioso rapimento di un gruppo di ragazze. Incontrano uomini e donne straordinari che vogliono aiutarli. I due amici vivranno sulla loro pelle il senso di libertà e capiranno il significato della gioia di vivere.

Al cinema Centrale il Concorso Internazionale dei Lungometraggi inaugurerà il programma delle proiezioni della seconda giornata del festival al cinema Centrale. Alle 15 sarà proiettato “Those Who Work” di Antoine Russbach (Svizzera, Belgio 2018), sulle vicende di un uomo che dedica tutta la sua vita al lavoro e rimetterà in discussione l’unico legame affettivo che ha ancora importanza per lui, quello con sua figlia minore. Alle 17 è il turno di “The day after I’m gone” di Nimrod Eldar (Israele, 2019) un viaggio alla scoperta reciproca nel delicato rapporto tra un padre e la figlia adolescente Roni dopo aver scoperto il desiderio di quest’ultima di porre fine alla propria vita. Alle 18.45 in programma Dollhouse: The Eradication of Female Subjectivity from American Popular Culture di Nicole Brending (Canada, USA, 2018), una selvaggia commedia sulla psicologia che sta dietro alla misoginia. Realizzato grazie alla puppet animation il film ricostruisce l’ascesa e la caduta della carriera della fittizia pop star ragazzina Junie Spoons.

All’auditorium Vincenzo da Massa Carrara le proiezioni partiranno alle 15.00 con una serie di cortometraggi: “Blonde blue eyes” di Simone De Vries; “The room”; “Requiem 2019” e “Starfish Tango”. Segue (alle 17) la proiezione del film “Pierino” di Luca Ferri, autore già ospite del festival, dedicato alle conversazioni fra il regista e il signor Pierino Aceti incontratisi ogni giovedì dell’anno (52 in totale), confrontandosi attorno alla domanda: “cosa hai fatto questa settimana?”. Un film poetico che segue lo svolgimento di una vita e il lento trascorrere del tempo (alla fine della proiezione interverrà il regista).

Prezzi: 20 € abbonamento; 15 € abbonamento ridotto; 9 € giornaliero; 8 € giornaliero ridotto; 5 € evento singolo; 4 € evento singolo ridotto. [email protected]

(Visitato 43 volte, 1 visite oggi)