«Le immagini dell’immondizia che frana dentro le acque del lago di Massaciuccoli fanno male, ma non sono che l’ennesima pugnalata al cuore, l’ennesima fonte di avvelenamento di un ambiente che tanto ha dato in passato alle comunità locali e che da decenni, sempre sotto la stessa bandiera politica, viene stuprato» la Lega interviene senza mezzi termini sulla situazione del Lago di Massaciuccoli, e lo fa a livello regionale con la capogruppo Elisa Montemagni, e a livello comunale con i consiglieri Alfredo Trinchese, Maria Pacchini, Massimiliano Baldini e Alessandro Santini.
«Ci troviamo di fronte ad un paradosso che viene colpevolmente portato avanti da decenni, un’area protetta sulle cui sponde accade di tutto, sia legittimamente che illegittimamente: trattamento e stoccaggio rifiuti, pulizia cassonetti, scarichi vari, strutture lasciate a marcire perché sottoposte a vincoli assurdi, e tanto altro – spiegano gli esponenti leghisti – il tutto mentre gli Enti che dovrebbero preservare questo habitat fanno passerella presentando progetti milionari inutili per una reale bonifica, o investono in improbabili progetti, come le casette di osservazione abbandonate in cima a colline di rifiuti. Ci domandiamo: ma se tutte quelle risorse fossero investite in una vera bonifica del territorio e delle fonti di inquinamento non sarebbe meglio? Se si iniziasse a lavorare per spostare certe attività in altre zone e si effettuasse maggiore sorveglianza, non sarebbe forse più utile?». «Ma forse è più facile puntare il dito contro cacciatori e frequentatori del padule, che quell’ambiente hanno sempre dimostrato di conoscerlo e curarlo molto meglio di certe istituzioni, anziché andare a colpire il marcio?!».
«Vista la decennale scarsa attenzione degli Enti locali sul tema, dalla Regione al Comune passando per il Parco, siamo intenzionati a portare la questione all’attenzione del Governo e, dopo il 26 maggio, anche dell’Unione Europea – concludono i rappresentanti del Carroccio – chissà che in questo modo non si riesca a bypassare l’ignavia di una certa politica sulla situazione del lago».
(Visitato 322 volte, 14 visite oggi)