Il movimento politico “Vivi riscrivi la storia”, nato da poco più di un mese, sostiene apertamente la candidatura a sindaco di Fabio Berti in Valdinievole, a Chiesina Uzzanese. “Negli ultimi dieci anni, l’operato del Berti, come vicesindaco durante l’amministrazione Borgioli- afferma il presidente Andrea Gadducci-, è stato ottimo. Per le prossime elezioni ha presentato delle proposte realizzabili e adatte al nostro paese. Ci è piaciuto molto il progetto presentato di recente per tutelare e aumentare la sicurezza dei chiesinesi grazie ad un accordo tra il comune e un istituto privato di sicurezza. Il servizio di vigilanza è l’unica cosa che può aiutare in concreto i cittadini”. Alle parole del movimento si unisce il segretario nazionale Uil Polizia, Gianluca Pantaleoni, che aggiunge “il progetto realizzato dal Comune di Chiesina dovrebbe essere esteso su tutto il territorio nazionale”. L’attenzione verso le famiglie e gli anziani, lo stop ai camion in centro a Chiesanuova, l’installazione di telecamere di videosorveglianza, sono tanti i punti del programma del centrodestra su cui il movimento “Vivi riscrivi la storia” si trova pienamente d’accordo. Temi comuni su cui anche il movimento sta lavorando, come nel caso del progetto “Aiutami” che prevede l’assistenza legale gratuita per donne e bambini che subiscono violenza. “Noi non siamo né di destra né di sinistra – precisa Gadducci-, prendiamo le idee più adeguate dei partiti per svilupparle nel nostro contesto. Ringraziamo Fabio Berti per aver fatto quello che ha detto, piccole promesse ma grandi passi. Gli attacchi si basano su cose che non sono comunali ma private”.

(Visitato 373 volte, 1 visite oggi)

Cup fai-da-te, Marchetti (FI): “Per i toscani solita sanità pacco-piatto”

Buone notizie per chi soffre di cefalea cronica, riconosciuta come malattia sociale. La parola ora al Senato