Giovedì 9 maggio dalle ore 21.00, alla Croce Verde di Viareggio in via Garibaldi 171, Porti Aperti, coordinamento di Associazioni versiliesi, presenterà l’iniziativa “A porte aperte – Refugees Welcome arriva in Versilia”, per presentare l’Associazione Refugees Welcome Italia, rappresentata dal nascente gruppo territoriale Versilia.
Interverranno Francesco Gesualdi di Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Pisa, che presenterà un quadro generale dei fenomeni migratori attuali, e Sanna Fatty, un giovane rifugiato ospitato da una famiglia fiorentina, nel quadro dei
progetti di Refugees Welcome, che racconterà della sua esperienza di accoglienza.

Refugees Welcome si occupa, a livello internazionale, di promuovere l’accoglienza di giovani rifugiati ancora non completamente autonomi presso famiglie del territorio.

Refugees Welcome Italia infatti offre ospitalità a coloro che, ottenuto lo status di rifugiato o altra forma di protezione, sono in uscita dai centri di accoglienza, ma non sono ancora pienamente indipendenti e rischiano di trovarsi in una dimensione di marginalità che può compromettere i primi passi compiuti per inserirsi nel nostro Paese.

L’associazione vuole infatti promuovere un cambiamento culturale e un nuovo modello di accoglienza: “Crediamo che l’ospitalità in famiglia sia il modo migliore per facilitare l’inclusione sociale dei rifugiati nel nostro Paese e per combattere pregiudizi e paure”.

All’iniziativa verranno invitati associazioni, cooperative e privati che si occupano della prima fase dell’accoglienza, quella che si conclude, auspicabilmente, con l’ottenimento di un permesso di soggiorno che regolarizzi la permanenza del rifugiato sul nostro territorio.

Verranno anche invitati i rappresentanti delle realtà territoriali che hanno finora dimostrato sensibilità verso il tema dell’accoglienza, nella speranza di aprire un canale dicollaborazione.

All’iniziativa, promossa da Porti Aperti Viareggio, con il patrocinio di Croce Verde, hanno aderito Arci Lucca Versilia, Anpi, Cgil, Legambiente Versilia, Casa delle donne Viareggio.

(Visitato 70 volte, 1 visite oggi)

Alpi Apuane: sono solo due le cave “fatte salve” dal divieto di nuove cave o riattivazione delle dismesse nella zona di protezione speciale

Spreco alimentare, la Regione a Bruxelles