La Croce Verde di Viareggio festeggia i 130 anni di attività: un'ambulanza dedicata a Alessandro Cecchi - associazionismo, La voce degli Enti, Top news Versiliatoday.it

La Croce Verde di Viareggio festeggia i 130 anni di attività: un’ambulanza dedicata a Alessandro Cecchi

La Croce Verde di Viareggio festeggia i 130 anni di attività. Lo fa, dopo lo straordinario successo della cena di beneficenza, organizzata da Fidapa BPW Italia, Lions Club, Rotary Club e Soroptimist International Italia nella splendida cornice dell’Hotel Principe di Piemonte, con una due giorni intensa e coinvolgente, nella sede di Corso Garibaldi 171.
Sabato 18 maggio, ore 18.00: “I nostri 130 anni”, intervengono il Presidente Carla Vivoli, il Professor Andrea Nardi, il Professor Antonio Bertacca ed il Gruppo Teatrale dell’Associazione. Prevista, inoltre, la consegna del “Premio Stefano Simioli 2019” alla memoria di Elio Tofanelli ed il riconoscimento alla memoria di Giovanni Poletti, per il Centro Sportivo della Croce Verde.
Domenica 19 maggio, ore 11.00: “Una nuova Ambulanza”. Inaugurazione di una nuova Ambulanza, dedicata a Alessandro Cecchi, il giovane pasticcere del bar Fauzia morto nel tragico incidente in via Pisano e di un mezzo per la Protezione Civile. Sfilata per le vie della Città e rinfresco.

Nata il 19 maggio del 1889, nel febbraio del 1930 la Croce Verde fu sciolta con un regio decreto ed il suo patrimonio confiscato. La sede storica di via Machiavelli venne affidata alla Croce Rossa, e i suoi arredi€ , intesi come materiali di soccorso, alla Misericordia. La fratellanza operaia era l’anima comune dei volontari che ne facevano parte . Chi nelle ore libere prestava servizio erano i lavoratori: calafati e carpentieri, muratori, calzolai, barbieri e marinai, che oltre a prestare servizio gratis si autotassavano di una quota€ . Umili con una grande dedizione per il prossimo anche quando, finita la guerra, in una Viareggio distrutta dalle bombe, dettero vita alla loro missione con la stessa voglia di sempre: quella di fare, per gli altri. La conquista della attuale sede di via Garibaldi, dopo anni di tribolazioni e disagi, arriva nel febbraio del 1986.

(Visitato 668 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 17-05-2019 11:13