In 43 sorpresi a smanettare col cellulare al volante: ritirate 4 patenti e tolti 267 punti

La Polizia Stradale di Prato ha intensificato i controlli finalizzati a contrastare l’uso indisturbato degli smartphone durante la guida, usati non solo per conversare ma anche per scrivere mail, scattare foto o per andare su WhatsApp.
I poliziotti, su input del Compartimento Toscana, già da tempo stanno adottando una nuova strategia, che prevede l’impiego di personale in borghese e auto civili, in modo da non farsi scorgere da quelli che sono poco virtuosi al volante.
I risultati si sono visti, tant’è che in tre giorni sono stati 43 gli automobilisti dapprima affiancati, poi osservati e infine, appena hanno preso in mano il cellulare, fermati. Tutti sono stati sanzionati con una multa di circa 300 euro a
testa e 5 punti in meno dalla patente, poi ritirata a 4 di loro poiché recidivi.
Complessivamente, la Polstrada ha contestato 74 infrazioni e defalcato 267 punti e, nei prossimi giorni, le operazioni proseguiranno con la stessa strategia.

Aggiornato il: 23-05-2019 14:07