“Annunciato l’elenco degli otto libri selezionati per le tre sezioni di narrativa, poesia e saggistica della novantesima edizione del Premio Viareggio Rèpaci. Un momento importante della manifestazione che arriva senza che questa amministrazione, nonostante ripetuti solleciti, abbia provveduto a nominare i rappresentanti del Comitato di Gestione del Premio. Un organismo importante che ha il compito di gestire i finanziamenti che, in virtù del rogito Notaio Tolomei del 1975, sono a carico del Comune di Viareggio. Redige e approva il programma esecutivo di tutte le manifestazioni del Premio e di quelle ad esso correlate; verifica e approva l’attuazione delle attività programmate in ciascun anno e le modalità con le quali si sono svolte”.

Lo scrive in una nota il consigliere del gruppo misto Stefano Pasquinucci:

“Il Comitato è formato dal Presidente del Premio, che lo presiede, e da undici membri di cui sette eletti dal Consiglio Comunale con una maggioranza di tre quarti, in rappresentanza dei gruppi consiliari, e da quattro membri nominati dal Presidente. Il Comitato dura in carica cinque anni ed è indipendente da possibili variazioni nella composizione del Consiglio Comunale.
Più volte, in Commissione Cultura e non, abbiamo chiesto di regolare questa anomala situazione, magari coinvolgendo, nelle nomine che spettano al Consiglio, anche persone esterne, in grado di contribuire fattivamente e positivamente allo sviluppo ed alla promozione di uno degli eventi più significativi e raprresentativi della nostra Città.
Da Sindaco ed Assessore, però, non abbiamo mai ricevuto nessuna risposta con il risultato che nessun atto concreto è stato fatto. E questa, purtroppo, non è una novità”

(Visitato 102 volte, 1 visite oggi)
TAG:
premio repaci stefano pasquinucci viareggio

ultimo aggiornamento: 01-06-2019


Lega primo partito a Viareggio e Torre del Lago, domani gazebo della vittoria

2 giugno: “No, non mi vergogno, sono e resto monarchico”