‘Certo che vengo, è un onore e un piacere tornare a Viareggio dove sono stato benissimo, dove i tifosi mi hanno sempre apprezzato’: quando senti queste parole pronunciate da diversi giocatori ‘pescati’ in mezza Italia o anche nelle province limitrofe, in mezzo all’amarezza per l’annata sportiva conclusasi negativamente, il cuore (e anche l’orgoglio bianconero) si riscalda in vista della ‘Partita del Centenario’ in programma il prossimo 21 giugno alle 18 al campo sportivo ‘Benelli’ di Lido di Camaiore, impianto in sintetico dove da diversi anni vengono disputate partite della Viareggio Cup. Inutile dilungarsi sul perché la partita non si giochi a Viareggio: è come affondare il coltello in una piaga aperta ormai da diversi mesi, forse anni, sia pure con sfumature diverse. Ricordiamo che l’ingresso è libero ma che verranno raccolte adesioni e sostegno alle associazioni FenomenAle, Croce Verde e Misericordia di Viareggio.

Lo slancio con cui diversi giocatori – del passato, passato recente e degli anni d’oro del progetto Esperia – hanno garantito la loro presenza: non tutti giocheranno ma ritrovare amici, compagni di squadra con i quali hai condiviso momenti belli e brutti, sarà un bel quadretto bianconero, Fra le ultime adesioni – l’elenco completo verrà ufficializzato cinque giorni prima della ‘Partita del Centenario’ – ci sono quelle di Ricciarelli, Diego Gemignani, Gabriele Gemignani, Francesco Buglio, Samuele e Michele Pizza, Magagnini, Belloni, Ghilarducci, Galligani, Genovali. E la storia continua. Ribadiamo che non ci sono stati inviti ufficiali in… carta bollata da parte degli organizzatori, il passa-parola è stata la formula utilizzata per invogliare gli ex bianconeri ad essere presente per porre la loro firma sul ‘Registro del Centenario’.

(Visitato 137 volte, 1 visite oggi)