Sarà uno spettacolo dedicato alle problematiche quotidiane che ciascuno di noi deve affrontare, quello proposto lunedì 17 giugno dalla slovena MN Dance Company presso il Teatro Comunale alle ore 21.30. Il titolo: Labyrinth,

Ma prima ancora in piazza Duomo alle ore 20.45 si terrà una delle danze dell’invasione che fanno parte integrante del ricco programma del Dap Festival. La danza dell’invasione di lunedì 17 giugno vedrà esibirsi le ragazze di Venezia Balletto in un’anteprima del loro spettacolo che si terrà martedì 18. Con questi momenti di apparente spettacolo improvvisato fra la gente che passeggia per le strade e fra i monumenti di Pablo Atchugarry (nei 14 giorni di festival ce ne saranno 14), la direttrice artistica della kermesse Adria Ferrali intende “portare la danza fuori dai luoghi canonici delle esibizioni per avvicinare le persone e fare toccare loro con mano la loro bellezza, di fare comprendere loro quanto anche l’arte nelle sue varie accezioni faccia parte della nostra quotidianità”. Dap Festival nasce infatti come appuntamento con la danza contemporanea ma anche con tutte le altre arti, dalla musica alle figurative. Ecco perché da tre anni il festival torna nella Piccola Atene della Versilia ispirandosi alla mostra del momento (quest’anno quella dell’uruguaiano Pablo Atchugarry) per dialogare con il museo a cielo aperto le cui opere sono sparse ai quattro angoli della ridente cittadina versiliese di Pietrasanta.

MN Dance Company è la giovane ed innovativa compagnia di danza slovena che si esibirà al Teatro Comunale lunedì 17 giugno alle ore 21.30. Ricercando nuovi modi di espressione e movimento, guidata dai direttori artistici Michal Rynia e Nastja Bremec Rynia, svolge un ruolo fondamentale nella divulgazione della danza tra le generazioni, costruendo un linguaggio che sposta i confini della danza contemporanea fra vari stili. La compagnia si esibisce in molti festival internazionali di danza e teatro in Slovenia, Austria, Paesi Bassi, Regno Unito, Germania, Italia, Polonia, Croazia, Serbia e Israele. La compagnia ha creato inoltre spettacoli per il Teatro Nazionale Sloveno di Nova Gorica, l’Opera ed il Balletto di Lubiana, Cankarjev dom Ljubljana, l’Opera di Graz, il Teatro di Rotterdam. I coreografi, entrambi diplomati al CODARTS – Rotterdam Dance Academy, si distinguono con un proprio stile contemporaneo ed un particolare linguaggio del corpo. Lo spettacolo ha come simbolo il Labirinto, già conosciuto nella mitologia greca quale percorso di vita costellato di ostacoli e momenti decisionali. Possiamo dire che i Minotauri nel labirinto non esistono, ma i mostri quotidiani che dobbiamo affrontare e con cui dobbiamo combattere sicuramente creano in tutti noi dubbi, paure, preoccupazioni, rimpianti ed incertezze. Impariamo a combatterli con le nostre armi più potenti, quali l’intelligenza, la memoria, la volontà e il cuore. Ogni volta che pensiamo di aver trovato l’uscita, incontriamo nuovi ostacoli, intrappolati tra muri spaventosi e senza via d’uscita.

 

Il calendario di 12 appuntamenti proposti dalla III edizione di DAP Festival si snoderà fra il teatro Comunale, la chiesa di Sant’Agostino e il teatro all’aperto de La Versiliana dove si terrà il grande spettacolo conclusivo di sabato 29 giugno. Fra gli artisti protagonisti di questa terza edizione: Miriam Barbosa, la star americana della Martha Graham Dance Company Katherine Crockett che con il supporto del Martha Graham Resources presenterà uno dei balletti più significativi del repertorio Graham, la Mn Dance Company diretta dai coreografi sloveni Michal Rynia e Nastja Bremec Rynia, il Venezia Balletto con coreografie di Sabrina Massignani, gli israeliani Vertigo con le appassionate creazioni di Noa Wertheim, un appuntamento che denuncia la violenza sulle donne in collaborazione con Doppia Difesa (la fondazione di Michelle Hunziker contro le discriminazioni, gli abusi e le violenze di genere), il Royal Danish Ballet con Tim Matiakis, Tamara Fragale, il siciliano Giovanni Napoli che presenta le sue coreografie con il supporto della Michele Merola Contemporary Dance Company, la star del balletto classico Maria Kochetkova accompagnata dal famosissimo danzatore Joaquin De Luz solista del New York City Ballet ed il coreografo e danzatore danese Sebastian Kloborg, il coreografo francese Bruno Pradet, la compagnia di Stoccolma fondata dal coreografo Sigge Modigh che colleziona danzatori solisti del Royal Swedish Ballet, Roberto Zappalà, il russo Stanislav Ponomarev e una pole-dance all’ avanguardia in stile Twyla Tharp e molto altro.

Il prossimo spettacolo è previsto domani, martedì 18 giugno, presso il teatro Comunale di Pietrasanta dove alle ore 21.30 si esibisce il Venezia Balletto proponendo Umano Controcanto. Mentre la danza dell’invasione si terrà in piazza Duomo alle ore 20.45 per mano della compagnia svedese di Sigge Modigh in un’anteprima del suo spettacolo del 19 giugno presso il Comunale.

A questo link un’immagine della compagnia slovena https://drive.google.com/open?id=14hPXEt4pdndu00kp4qvAe5NxviYPp-F-

 

Info e programma: www.dapfestival.com

(Visitato 129 volte, 1 visite oggi)