Foto concorsofarmacie.it

Passi carrabili, il Tar Toscana dà ragione alla giunta Mungai

L’ex sindaco di Massarosa: “I provvedimenti sono legittimi. Ora come lo spiega Coluccini ai cittadini? “Dal giorno dopo del voto ci sarà da fare un gran lavoro. Il primo atto sarà l’abolizione dell’obbligo del passo carrabile. E’ stata una scelta assurda dell’attuale amministrazione, voluta solo per fare cassa e per pescare dalle tasche dei cittadini. Con me quelle delibere saranno cancellate“.Queste le parole del neo eletto sindaco di Massarosa Alberto Coluccini, Coluccini che ha fatto del “caso” passi carrabili uno dei pochi, se non l’unico, punto in programma della sua amministrazione. Ed ecco che il TAR dà ragione alla giunta Mungai. Con Sentenza n. 908 del 2019 il Tribunale Amministrativo della Regione Toscana ha pubblicato infatti la decisione sul ricorso presentato da un gruppo di cittadini sulla legittimità dei provvedimenti adottati dalla Giunta Comunale, confermando la piena legittimità degli atti compiuti, respingendo le eccezioni avanzate condannando i ricorrenti al pagamento a favore del Comune di Massarosa della somma di €. 3.000,00 oltre accessori a titolo di spese di giudizio. “Quello che aveva inteso fare la mia Amministrazione – dichiara l’ex sindaco Franco Mungai – era di far regolarizzare situazioni in contrasto con quanto previsto dal Codice della Strada (legge nazionale) al fine di difendere i cittadini da eventuali responsabilità e multe che potessero arrivare dagli Organi preposti al controllo, tutto questo senza gravarli di costosi e complicati adempimenti. Come più volte spiegato anche allo stesso Coluccini (ma non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire…) non è stata istituita nessuna tassa sui passi carrabili, ma l’importo previsto era solo il corrispettivo per la consegna del cartello ed il rilascio dell’autorizzazione per lo svolgimento di una pratica amministrativa che i cittadini avrebbero fatto svolgere a tecnici, con pagamento delle relative notule. Perfino i passi posti sulla strada statale sono stati oggetto della procedura semplificata, infatti con una convenzione con la Provincia di Lucca era stato messo a punto un procedimento semplificato, che con il pagamento di un piccolo importo aggiuntivo avrebbe consentito la regolarizzazione dei passi esistenti. Sono stati regolarizzati circa 2.300 passi a fronte dei poco più dei 200 regolari iniziali. E ora come la mettiamo? – aggiunge Mungai – E’ stato detto in campagna elettorale dagli attuali amministratori che sarebbero stati tolti i passi carrabili, che vuol dire? Che a Massarosa si deroga ad una legge nazionale? Come si poteva pensare che un tribunale censurasse un provvedimento che agevolava il rispetto di una legge nazionale, della quale molti cittadini anche inconsciamente ne risultavano inadempienti? La politica urlata, degli slogan, del pressappochismo non premia, i cittadini hanno eletto i loro rappresentanti perché fossero al servizio della collettività per il bene comune e si aspettano che lavorino per risolvere i loro problemi, la campagna elettorale è finita”.

(Visitato 1.351 volte, 1 visite oggi)