Di seguito ai fatti avvenuti nei giorni scorsi al bagno Montecristo di Levante, a Forte dei Marmi,  dove gli agenti della Polizia Municipale sono stati aggrediti da un venditore abusivo di merce contraffatta , Giovannino Baratta, titolare del Bagno Alex ha deciso di attivare anzitempo, sarebbe dovuto iniziare dal 01 luglio pv, il servizio svolto dal Corpo Guardie di Città per dare un contributo importante a sostegno del lavoro della Polizia Municipale impegnata nella lotta all’abusivismo commerciale.

Il Security-Man del Corpo Guardie di Città ha il compito di mettere in guardia gli ospiti dello stabilimento balneare dall’acquisto di merce dai venditori abusivi ma anche dai massaggi praticati sulla spiaggia dai cinesi oltre a controllare gli accessi alla struttura ricettiva ed a regolare la viabilità del parcheggio.

Il titolare del Bagno Alex , Giovannino Baratta, per indurre i clienti a un comportamento più responsabile verso il fenomeno dell’abusivismo commerciale, da 4 anni ha messo in campo un servizio di contrasto passivo assieme a una vera campagna di educazione alla legalità e di informazione per i clienti del proprio bagno. Ha fatto addirittura stampare un volantino in cinque lingue in cui, dall’italiano al russo, dall’inglese al tedesco e al francese si invita a non acquistare merci false e comunque dai venditori abusivi, fatti per i quali si può subire una sanzione fino a 7mila euro.

La decisione del titolare, Giovannino Baratta, mira a “educare” i clienti del bagno a un comportamento responsabile verso il fenomeno dell’abusivismo commerciale e per cercare di limitare la presenza di coloro che vendono abusivamente sotto gli ombrelloni merce contraffatta e prodotti alimentari (cocco, granite, gelati, pizze, bomboloni, etc..) senza rispettare le regole che disciplinano l’ordine pubblico e la sicurezza sanitaria dei prodotti.

L’iniziativa non deve essere fraintesa perchè la funzione dell’addetto del Corpo Guardie di Città è quella di svolgere solo ed esclusivamente i servizi fiduciari richiesti e stabiliti per il Bagno Alex non andandosi a sostituire alle forze dell’ordine cui spetta il compito attivo di repressione e con le quali però ci sarà una forte collaborazione informativa. Si tratta di un servizio di contrasto passivo al fenomeno dell’abusivismo commerciale e artigianale, di educazione alla legalità e di informazione sia per i turisti/clienti che per gli stessi venditori abusivi cercando di sensibilizzare al corretto comportamento da tenere in spiaggia per cercare di limitare il più possibile il disturbo alla clientela che cerca solo relax e riposo.

Unico strumento in mano al personale del Corpo Guardie di Città , che ha anche il compito di informare i clienti del Bagno Alex sui rischi derivanti dall’acquisto di merce contraffatta o di dubbia provenienza, è una mirata attività di informazione e sensibilizzazione nei confronti dei turisti stessi consegnando un volantino in italiano e in 4 lingue straniere (inglese, russo, francese e tedesco) in cui si ricorda che l’incauto acquisto è punito dalla legge italiana con una sanzione amministrativa da cento a 7mila euro.

Far percepire ai clienti sicurezza, serenità, ordine e legalità è lo scopo del titolare del Bagno Alex e proprio per queste finalità sta valutando l’installazione di un sistema di videosorveglianza per vigilare sulla proprietà in concessione con le finalità di prevenire fenomeni di microcriminalità, per scoraggiare i malintenzionati e/o i venditori abusivi dal commettere reati ma soprattutto perché le immagini riprese possono essere utili per un’eventuale attività d’indagine costituendo un supporto molto efficace per le forze di polizia.

(Visitato 3.261 volte, 1 visite oggi)