Domenica 14 luglio non è una data qualsiasi è il 230° anniversario della rivoluzione francese. In Francia, ovviamente sarà festa nazionale, ma forse dovrebbe esserlo ovunque dato che quell’evento cambiò il corso della storia in tutto il vecchio continente, e in parte in tutto il mondo. Inizia con quella data la storia contemporanea e se quella rivoluzione non fosse stata tradita, un pò come tutte le rivoluzioni, e non fosse stato abolito il calendario giacobino oggi saremmo nell’anno 230 e non nel 2019. Il Museo Popolare della Pineta ha deciso di celebrare questa data nel migliore dei modi dando appuntamento a tutti a domenica 14 luglio alle ore 17 nella meravigliosa Pineta di Levante all’iniziativa “Giacobini di tutto il mondo salviamo la pineta.”

 Sarà l’occasione per vedere nuove Installazioni, performance, interventi artistici che animeranno il fantastico paesaggio minacciato dallo scellerato progetto dell’ Asse di Penetrazione. Vi invitiamo a partecipare!, commentano gli organizzatori: Rinnoviamo l’intenzione di trasformare la pineta adiacente allo Stadio dei Pini in un museo che possa difendere gli alberi e contrastare il progetto dell’Asse di Penetrazione, e visti gli esiti delle opere della scorsa edizione che hanno superato il logorio del tempo, gli atti vandalici e le problematiche evidenziate da Fortunata Intemperie e Manufatto Naturale si chiede agli artisti di realizzare nuove opere in base alle seguenti indicazioni:
1) Integrazione creativa con la natura del luogo 2) Utilizzo di materiali che non generano materie di scarto nel corso del tempo (cartacce, plastiche o altre spazzature)
3) Installazione della propria opera in modo da non danneggiare le piante.
4) Si consiglia che l’opera sia applicata, tramite pittura o altra tecnica, direttamente ad uno o più alberi. 5) Si consigia che sia difficilmente asportabile (ovvero rubabile) dagli amanti dell’arte che passano per il museo. L’opera può anche essere impermanente, ovvero essere presentata durante l’appuntamento di Domenica 14 luglio e rimossa, dopo averla documentata, la sera stessa. Prima di realizzare o installare la propria opera si consiglia di inviare la propria idea, in modo da verificarne la fattibilità, e di contattare la direzione del museo per fare un eventuale sopralluogo. Per informazioni e contatti: [email protected] Vogliamo ricordare che il museo popolare della pineta è un’azione di disobbedienza civile e creativa in appoggio al movimento No Asse di Viareggio, che vuole salvare la pineta con azioni e opere artistiche. Arte e natura insieme per difendere la pineta.

(Visitato 72 volte, 2 visite oggi)