Hanno dato in affitto per 4 anni i loro immobili omettendo di dichiarare redditi di fabbricati per 20 mila euro. Due proprietari di “seconde case” site a Piombino (LI) hanno lasciato così senza contratto di locazione due famiglie dal 2014 al 2017. Le fiamme gialle della locale Compagnia hanno scoperto l’evasione quando, recandosi presso dette abitazioni, hanno intervistato gli inquilini, i quali, non volendo incorrere nella sanzione amministrativa prevista in caso di comunicazione di dati incompleti o non veritieri, hanno riferito di aver corrisposto “in nero” i canoni. I due proprietari di case “evasori”, una 55enne originaria di Piombino e un 66enne di Rosignano Marittimo, dovranno ora versare al fisco l’Irpef sui 20.000 euro incassati “in nero”, oltre a sanzioni, interessi e all’imposta di registro.

(Visitato 401 volte, 1 visite oggi)