Un ufficio ad hoc per liberarsi dell’amianto

Nasce l’ufficio “Seravezza libera dall’amianto” per dare supporto ai cittadini e alle imprese che intendono avviare le procedure di rimozione delle coperture in amianto e il corretto smaltimento dei materiali. Un punto di riferimento utile anche per accedere alle agevolazioni e agli incentivi previsti dalle norme nazionali e regionali e dagli accordi stipulati a livello locale. Lo annuncia l’assessore all’ambiente Dino Vené all’indomani del convegno sull’amianto tenutosi a Seravezza.

«Con il convegno abbiamo chiuso la seconda fase del progetto “Seravezza libera dall’amianto”, ovvero quella informativa, che ha fatto seguito all’approfondimento delle linee guida regionali e alla dettagliata mappatura del territorio svolta ormai diversi mesi fa», spiega Vené. «Ora la terza fase, che vedrà protagonisti i privati titolari di immobili con copertura in materiali contenenti amianto. La casistica è molto vasta: si va dalle piccole tettoie alle grandi superfici industriali, dalle aree agricole ai centri urbani, dai casi in cui è possibile operare in autonomia, con l’impiego di kit da poche decine di euro, a interventi che richiedono progettazioni importanti e l’intervento di professionalità specializzate. È necessario quindi approfondire di volta in volta, dare un supporto personalizzato, una consulenza che tenga conto sia delle problematiche ambientali sia di quelle urbanistiche. Da qui la nostra decisione di creare uno sportello ad hoc, nel quale confluiscano le competenze dei due settori comunali, al quale i cittadini possano rivolgersi per avere chiara la propria situazione, per capire se e come è possibile intervenire, se e in che misura siano ammissibili le agevolazioni e i contributi. Il Comune in questa fase sta facendo da collettore di tutte le proposte che le imprese specializzate stanno avanzando per la rimozione delle coperture e lo smaltimento agevolato dell’amianto. Proposte fra le quali i cui i nostri concittadini e le nostre imprese potranno orientarsi grazie al supporto del nuovo ufficio».

Il convegno svoltosi la scorsa settimana alle Scuderie Granducali è stato un utile momento di informazione e di confronto fra tecnici, cittadini e comitati che si battono per la salute pubblica. Molte le informazioni fornite dai vari esperti intervenuti: i funzionari del Comune di Seravezza Roberto Orsini per il settore Ambiente e Andrea Tenerini per il settore Urbanistica, Romeo Broglia e Fausto Ugozzoli della ditta Aerodron che ha realizzato la mappatura delle coperture in cemento-amianto sul territorio comunale di Seravezza, Lorenzo Arcidiaco e Bernardo Zanchi del Consorzio Lamma, Silvia Bucci dell’Arpat, Antonino Roas del Dipartimento di Prevenzione zona Versilia dell’Usl Toscana Nord Ovest. In rappresentanza dell’Amministrazione Comunale sono intervenuti al convegno il sindaco Riccardo Tarabella e l’assessore all’ambiente Dino Vené.

Aggiornato il: 01-08-2019 18:39