Parcheggi a pagamento, novità da settembre

L’amministrazione comunale di Camaiore precisa: “Le errate e false affermazioni di Forza Italia se potrebbero farci perdere tempo, dall’altro lato ci offrono l’occasione di ribadire quanto già detto in precedenza.

Come da anni ormai ci abitua il consigliere Mancini, in particolare, certe illazioni e invenzioni durano il tempo di un titolo di apertura, regolarmente smentite dai fatti.

Come annunciato, infatti, a fine estate si terrà un percorso istruttorio con il gestore del servizio di controllo (Coop. Città di Lucca) e con le categorie e gli uffici comunali competenti, per aprire una nuova fase di creazione delle misure di gestione della sosta a pagamento.

Dalla gestione per incassi (che metteva al centro gli introiti), infatti, stiamo andando velocemente verso la gestione per servizio (che mette al centro il cittadino e la sua quotidianità).

Nella discussione entreranno non solo i dati del nuovo modello di gestione sperimentale avviato per i 20 minuti, ma anche le prossime mosse: la stagionalizzazione tariffaria – con il meccanismo incentivante -, la zonizzazione – suddividendo in zone le aree di Camaiore e Lido e senza istituire nuove zone -, la politica degli abbonamenti per i turisti – da 14 anni, inesistente -, i pacchetti di servizi per la sosta – Apps, abbonamenti e semplificazione -, le giornate festive a tariffa ridotta – a Pasqua, Natale e altre feste -.

Al centro mettiamo non gli introiti, bensì il lavoro delle categorie economiche e la vita quotidiana del cittadino, lavoratore o non, turista o non.

Se tutto ciò – già da noi annunciato e ribadito all’indomani della sperimentazione – per Forza Italia è disdicevole e deve raccogliere l’opposizione della politica, perché a loro modo di vedere non bisogna occuparsi di cittadini e turisti ma solo di soldi, prendiamo atto.

L’Amministrazione, invece, lavora ininterrottamente con l’obiettivo di migliorare la qualità del servizio, aumentare il numero dei servizi e modernizzarli, mantenendo l’equilibrio finanziario della gestione.

Nel 2012 ci impegnammo perché il Comune tornasse ad avere potere sulle decisioni per la sosta a pagamento e perché fossero istituiti 20 minuti di sosta gratuita: così dicemmo e così abbiamo fatto.

Evidentemente, chi non fa seguire i fatti alle parole e chi si inventa notizie infondate non sono gli esponenti dell’attuale Amministrazione Comunale”.

Aggiornato il: 20-08-2019 15:31