La Lega contro il contributo della Regione al consultorio transgenere di Torre del Lago

La Lega contro il contributo di 80mila euro della Regione Toscana al consultorio transgenere di Torre del Lago, fondato oltre 10 anni fa da Regina Satariano:

“Da anni le cronache giornalistiche riportano quotidianamente episodi inaccettabili di malasanità in molti ospedali della Toscana – intervengono – l’ultimo in ordine di tempo è stato il caso di una signora di ottant’anni che colpita da ictus ha dovuto attendere quasi 24 ore per trovare un letto in una stanza dove erano già ricoverati due uomini. Di fronte a questo la giunta guidata da Enrico Rossi ha ben pensato di destinare 80mila euro ad un consultorio transgenere: struttura che, nel tempo, ha beneficiato di ulteriori generosi contributi da parte dello stesso ente.

“Inaccettabile – continuano – Un fatto che non tiene minimamente presente la realtà delle cose nel delicato comparto sanitario regionale. Vi sono gravi carenze di personale a vario livello, i cittadini devono aspettare un tempo indeterminato, considerate le chilometriche liste d’attesa e alcune strutture assistenziali sono in condizioni assolutamente pietose. Questa mancia acchiappa voti decisa dai soliti noti è l’ennesimo sonoro schiaffo ai tanti toscani che soffrono maledettamente per una gestione scellerata della Sanità nonostante l’enorme budget complessivo che solitamente viene destinato per questo importante settore. Questo caso specifico non ci sembra una priorità”.

La nota porta la firma dell’onorevole Susanna Ceccardi, senatrice Tiziana Nisini, senatore Manuel Vescovi, onorevole Guglielmo Picchi, onorevole Claudio Borghi, senatrice Rosellina Sbrana, onorevole Donatella Legnaioli, onorevole Edoardo Ziello, onorevole Mauro Lolini, onorevole Manfredi Potenti e onorevole Simone Billi.

Aggiornato il: 12-09-2019 14:20