Più lupo o cane da compagnia? Per capirlo basta uno sguardo - UniPi Versiliatoday.it

Più lupo o cane da compagnia? Per capirlo basta uno sguardo

Una ricerca delle Università di Pisa e Milano pubblicata sulla rivista “Royal Society Open Science” ha valutato il grado di dipendenza dal padrone di alcune razze di cane (Cane Lupo Cecoslovacco, Pastore Tedesco e Labrador Retriever) per capire quale è più vicina al lupo dal punto di vista comportamentale

Più lupo o cane da compagnia? Per capirlo basta uno sguardo

Una ricerca delle Università di Pisa e Milano pubblicata sulla rivista “Royal Society Open Science” ha valutato il grado di dipendenza dal padrone di alcune razze di cane (Cane Lupo Cecoslovacco, Pastore Tedesco e Labrador Retriever) per capire quale è più vicina al lupo dal punto di vista comportamentale

Più ci guardano in viso e negli occhi per chiedere aiuto, più sono dipendenti da noi: gli scienziati lo chiamano “gazing behaviour”, ed è uno dei segnali che indicano la distanza evolutiva dei cani dal lupo. Proprio questo comportamento è stato al centro di una ricerca pubblicata sulla rivista “Royal Society Open Science” e condotta da una equipe tutta al femminile composta dalla professoressa Elisabetta Palagi del Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa, da Veronica Maglieri ed Erica Tommasi, studentesse dell’Ateneo pisano, e di Emanuela Prato-Previde, professore associato di Psicologia del Dipartimento di Fisiopatologia Medico-Chirurgica e dei Trapianti dell’Università degli Studi di Milano.

Mettendo a confronto i nostri amici a quattro zampe più noti e diffusi, le ricercatrici hanno scoperto che il Cane Lupo Cecoslovacco è il più vicino alle razze canine antiche e primitive, e quindi al lupo, seguito dal Pastore Tedesco e dal Labrador Retriever.

“Quello che è emerso è che il gradiente di gazing behaviour ha il suo minimo nel Cane Lupo Cecoslovacco e il suo massimo nel Labrador Retriever – spiegano Veronica Maglieri ed Erica Tommasi – mentre i Pastori Tedeschi si collocano a livello intermedio tra le altre due razze”.

Nel corso delle osservazioni comportamentali, durate due anni, i cani sono stati sottoposti a un protocollo denominato “Impossible Task”, che consiste nel mettere il soggetto davanti ad una situazione impossibile da risolvere (cibo non raggiungibile), per verificare se e come “chiede aiuto” attraverso lo sguardo, rivolgendosi allo sperimentatore o al proprietario.

Nel corso dei test è emerso che i Cani Lupo Cecoslovacchi lanciavano agli umani occhiate molto più fugaci e veloci, simili a quelle dei lupi, contrariamente agli altri due gruppi che invece dirigevano spesso sia lo sguardo che il muso verso i loro compagni umani.

Ma le differenze di comportamento sono state ancora più evidenti quando il team ha analizzato le preferenze di gazing: i Cani Lupo Cecoslovacchi preferivano infatti rivolgere lo sguardo verso le sperimentatrici, le uniche a manipolare la ricompensa, mettendo quindi in secondo piano il vincolo “affettivo” con il padrone, mentre per i Pastori Tedeschi prevaleva comunque il legame con il proprietario. Nessuna preferenza è stata rilevata invece per i Labrador Retriever, che guardavano a lungo e indifferentemente verso entrambi i soggetti umani.

“Il Cane Lupo Cecoslovacco – conclude Elisabetta Palagi – per la sua recente e meno intensa selezione artificiale è una razza più antica e primitiva, geneticamente più vicina al lupo, e meno orientata verso l’essere umano rispetto a razze che sono andate incontro a una maggiore selezione da parte dell’uomo come il Labrador Retriever”.

Figura 1.  Apparato sperimentale: tavola di compensato sopra la quale veniva posizionato un premio (cibo) nascosto da un contenitore di metallo. Per le prime sei prove l’animale era libero di spostare il contenitore e recuperare il premio, mentre nella settima prova, la situazione “impossibile”, il contenitore veniva bloccato mettendo l’animale di fronte ad una situazione per lui impossibile da risolvere.

Figura 2. Tutti gli esperimenti sono stati registrati da una videocamera per essere successivamente analizzati frame-by-frame.

Figura 3. Esempio di prova impossibile: il contenitore è fissato e l’animale non riesce a recuperare il premio.

Figura 5. Il cane “chiede aiuto” con lo sguardo alla sperimentatrice (gazing behavior) Figura 6. Il cane “chiede aiuto” con lo sguardo alla padrona (gazing behavior).

 

(Visitato 406 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 23-09-2019 10:56