Abusivismo: lotta alla contraffazione, in due mesi sequestrata merce per 100mila euro - Cronaca Pietrasanta Versiliatoday.it

Abusivismo: lotta alla contraffazione, in due mesi sequestrata merce per 100mila euro

100mila euro di merce sequestrata in due mesi dalla Polizia Municipale sul litorale di Marina di Pietrasanta. E’ il bottino dei blitz invisibili della Polizia Municipale guidata dal comandante Giovanni Fiori. Un’attività condotta “sotto copertura” e senza dare dell’occhio lungo tutta la costa di Pietrasanta da parte degli agenti che ha portato al ritrovamento di numerosi nascondigli mimetizzati nella vegetazione dove i venditori abusivi custodivano la merce destinata a finire sulle spiaggia tra ombrelloni e turisti. I 5 mila pezzi trovati e sequestrati, tra bigiotteria, borse, borsette, occhiali, scarpe, giocattoli, cover per cellulari e molto altro avrebbero fruttato alla filiera della contraffazione, del commercio illegale ed abusivo circa 100mila euro. Quasi la metà solo dalla vendita di monili, collane, braccialetti, orecchini ed anelli. “L’attività condotta quest’estate dalla nostra municipale – analizza Andrea Cosci, Assessore alla Polizia Municipale – ha portato, in due estati, al sequestro di migliaia di pezzi per un valore di circa 200mila euro. La strategia delle ultime due stagioni è stata chiara ed efficace, e per questo ringrazio il nostro comandante Fiori e gli agenti: gli inseguimenti in spiaggia potenzialmente pericolosa sia per gli agenti che per bagnanti sono stati sostituiti da una paziente attività di controllo ed intelligence sul territorio per scovare nascondigli e magazzini da dove la merce proviene. Quasi 100 mila euro di merce, solo in due mesi, non è arrivata sulla spiaggia. Il bilancio finale è quindi molto positivo. Abbiamo scoraggiato la presenza dei venditori abusivi che sono nettamente calati nel corso delle settimane. Resta però prioritaria, in questo senso, una linea comune a livello di Versilia con un maggiore coordinamento con Prefettura e forze dell’ordine per bloccare gli arrivi alla stazione e alle pensiline dei bus. C’è ancora tanto lavoro da fare”.

 

(Visitato 152 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 18-10-2019 14:22