Il bando per l'efficientamento è del 25 luglio, l'opposizione è confusa. - Politica Massarosa Versiliatoday.it

Il bando per l’efficientamento è del 25 luglio, l’opposizione è confusa.

Il ministero approva un bando il 25 luglio scorso, l’amministrazione corre è lo ottiene, ma il centro sinistra racconta che il merito è suo. Così comincia il racconto di Civica Massarosa su i 130 mila euro ottenuti da questa amministrazione per l’efficientamento energetico.

Non si è fatta attendere la risposta del coordinamento di Civaca Massarosa alle affermazione dell’attuale opposizione sul finanziamento ottenuto

Il centro sinistra dopo aver portato il nostro comune nel Baratro – continua Civica – cerca anche di prendere i meriti delle cose fatte da questa amministrazione per agitare le acque. Ancora una volta la cortina fumogena della sinistra cerca di confondere l’opinione pubblica per screditare il Sindaco Coluccini e tutta l’amministrazione accreditandosi meriti altrui

L’amministrazione si impegna e ottiene soldi dagli Enti sovracomunali

L’ultimo caso è quello del contributo di 130.000 euro che questa amministrazione ha ottenuto per l’efficientamento energetico inserito nel Decreto Crescita del Ministero dello Sviluppo Economico.
Sui social e sulla stampa il PD e Sinistra Comune si sforzano nel dire che Coluccini non ha fatto niente in quanto il merito è della passata Amministrazione.
Capiamo le enormi difficoltà della sinistra nel difendersi dalle accuse di aver distrutto il nostro comune accumulando un buco enorme che dovranno ripagare tutti i cittadini, ma chiediamo di abbassare i toni evitando di fomentare le tifoserie. Se questo non avverrà, le conseguenze saranno quelle di dividere ancora di più la popolazione creando un clima d’odio inaccettabile per una piccola comunità come la nostra.

Il finanziamento ottenuto

Tornando al finanziamento di 130.000 euro per l’efficientamento energetico per spiegare la verità dei documenti, come sempre:

Il decreto che disciplina le modalità di attuazione della misura a sostegno delle opere di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile realizzate dai Comuni secondo quanto previsto dall’articolo 30, comma 1, del decreto- legge 30 aprile 2019, n.34…

è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.173 del 25 luglio 2019.

Questo contributo comunque, non è richiesto dai comuni per cui qualcuno può rivendicare un merito, ma definito e messo a disposizione autonomamente dal ministero.
Prima di tale data (25 luglio 2019) non era possibile sapere quali opere potevano essere finanziate dal Ministero, le modalità e le tempistiche da seguire per ottenere il finanziamento.

Dopo l’uscita delle regole per ottenere l’accettazione, gli uffici comunali hanno celermente individuato l’opera ammissibile, hanno fatto il progetto e hanno appaltato l’opera entro il 31 ottobre, così come stabiliva il ministero.
A loro – continua Civica – va il nostro plauso, perché con la grave carenza di mezzi e personale sono riusciti a portare a casa il risultato.

Cosa è stato finanziato con questi soldi?

Con quei soldi verrà sostituito l’impianto fotovoltaico sopra la piscina comunale che nel racconto che Rosi, Natali e Del Soldato avevano fatto ai cittadini e inserito negli atti, avrebbe dovuto fornire elettricità alla piscina, alla scuola media adiacente e vendere l’eccedenza di produzione con grandi risparmi per l’Ente.

In realtà erano oltre tre anni che l’impianto non funzionava e invece di produrre energia elettrica, il Comune ha pagato bollette anche da 75 mila euro per sopperire all’incuria.

Oggi l’impianto è costato 130.000 euro, con loro 430.000 euro

130.000 euro spesi per fare un impianto analogo a quello presente, nuovo e più efficiente del precedente (se avesse funzionato). L’amministrazione comunale ha fatto una regolare gara d’appalto per effettuare l’opera e l’unica cosa che Il centro sinistra a questo punto deve spiegare ai cittadini è come mai non fu fatta all’epoca una gara – come chiedeva all’epoca il consigliere di minoranza Coluccini – e affidarono direttamente i lavori spendendo oltre 400 mila euro.
Oggi il costo è di 130.000 con gara d’appalto, “ieri” 430.000 senza gara e affidando direttamente i lavori. (+330% per le tasche dei cittadini). Ci hanno raccontato che i problemi sono di cassa. Non stentiamo a crederlo se i soldi vengono spesi così male.

La sinistra smetta di fare chiacchere e confondere i cittadini. Contribuisca a risolvere la grave situazione economica che ha causato

(Visitato 228 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 09-11-2019 13:16