“Leggere quanto avvenuto l’altra sera in Darsena fa tornare alla mente quanto avvenne alla stessa maniera al proprietario del Ristorante “Bombetta” che quasi nello stesso modo, rincasando in bicicletta dopo una giornata di lavoro e fu assalito, ferito e rapinato”.

La nota arriva da Alessandro Santini, consigliere della Lega:

“Tutto questo è desolante ed avvilente: il cittadino onesto e lavoratore è solo ed inerme.
Nulla è cambiato, anzi tutto è peggiorato.
La città la notte è effettivamente senza controllo: ma la cosa che si percepisce meglio e che salta all’occhio è che i cittadini stessi si sentono impauriti e nel loro silenzio, che segue le ferite e minacce, si conferma la poca fiducia nell’utilità di poter e dover denunciare.

L’Amministrazione Comunale è completamente assente, non fa sentire protetti, ma soprattutto è palpabile la sua noncuranza e mancata capacità gestionale di queste situazioni gravi.
La Giunta non tiene il passo, la Giunta è lontana dal farsi reale portavoce delle istanze dei cittadini impauriti e feriti.
La Giunta non da risposte, perché non sa cosa dire e cosa fare.
La Giunta è assente perché la questione non è nella loro agenda delle priorità.
E questo è gravissimo.
Il cittadino viene lasciato solo, viene abbandonato al propio destino: la trascuratezza e l’abbandono della città è concreto e palpabile in ogni angolo di Viareggio: fuori controllo la notte da parte di chi dovrebbe occuparsene.

Serve un’inversione di marcia totale sulla gestione della Sicurezza in città, serve decisone, serve pugno duro, serve competenza e capacità, serve conoscenza del territorio e dei suoi problemi, serve la reale volontà di fare e di agire: tutte cose assenti ed impensabili a chi si occupa invece di fare una “normale amministrazione” improntata solo sulla propria immagine e campagna elettorale, nel vano tentativo di rincorrere una deleteria riconferma”.

 

(Visitato 140 volte, 1 visite oggi)
TAG:
alessandro santini viareggio

ultimo aggiornamento: 24-01-2020


Zucconi (FDI): “Sdegno per i testi del cantante Junior Cally. La rete pubblica deve vigilare”.

“È da poco iniziata la campagna elettorale e come era prevedibile cominciano a spuntare sui social i primi attacchi”