Nella sezione delle domande e risposte del sito del Governo è uscita ieri una delucidazione in merito agli spostamenti per fare la spesa, la domanda posta è questa:

È obbligatorio fare la spesa nel proprio comune di residenza o è possibile farla anche nel Comune limitrofo?

La risposta di palazzo Chigi è la seguente:

No, ma si deve fare la spesa nel posto più vicino possibile a casa o, per chi non lavora a casa, al luogo di lavoro.

Infatti, gli spostamenti devono essere limitati allo stretto necessario sia tra Comuni limitrofi che all’interno dello stesso Comune.
In ogni caso, si deve sempre rispettare rigorosamente la distanza tra le persone negli spostamenti, così come all’entrata, all’uscita e all’interno dei punti vendita.

Per questa ragione la spesa è fatta di regola nel proprio Comune, dal momento che questo dovrebbe garantire la riduzione degli spostamenti al minimo indispensabile.
Qualora ciò non sia possibile (ad esempio perché il Comune non ha punti vendita), o sia necessario acquistare con urgenza un bene non reperibile nel Comune di residenza o domicilio, o, ancora, il punto vendita più vicino a casa propria si trovi effettivamente nel Comune limitrofo, lo spostamento è consentito solo entro tali stretti limiti, che dovranno essere autocertificati.

 

(Visitato 2.395 volte, 1 visite oggi)
TAG:
comuni coronavirus Governo italia spesa

ultimo aggiornamento: 24-03-2020


Coronavirus, a Viareggio il telefono amico con psicologi

Codice Rosa, funziona a pieno ritmo anche in tempi di Coronavirus