Duecento camici dell’ospedale resi idonei dall’associazione culturale Mommio Castello
 
Il sindaco e l’amministrazione comunale di Massarosa ringraziano l’associazione culturale Mommio Castello che ha riadattato circa 200 camici di medici e infermieri: gli scatoloni sono stati affidati nei giorni scorsi alla Protezione Civile da consegnare all’ospedale di Lucca
 
“In questo momento difficile – dicono il sindaco Alberto Coluccini e l’assessore alla protezione civile Elisabetta Puccinelli – è da lodare qualsiasi gesto del genere: l’associazione merita il plauso dell’intera nostra comunità. Con il loro lavoro hanno adattato camici a maniche corte rendendoli idonei per questo periodo, e permettendo così un ricambio più frequente per medici e sanitari. Restare in casa per evitare il contagio è un sacrificio per tutti: ma non bisogna dimenticare di chi sta peggio di noi, negli ospedali ad esempio, a rischiare quotidianamente la propria vita per salvare le nostre”. L’associazione Mommio Castello ha anche ritirato dall’ospedale altre due scatole di camici a maniche corte per adattarli e rimandarli ai medici e agli infermieri in corsia
 
 “Per chi vuole dare un contributo – aggiunge il sindaco – ricordo che in questa situazione di emergenza legata al Coronavirus il Comune di Massarosa ha avviato una raccolta fondi attivando un conto corrente bancario. Le donazioni verranno utilizzate per sostenere le attività emergenziali legati alla gestione del virus e per spese straordinarie che si rendessero necessarie a fronteggiare lo stato di emergenza, anche sul fronte del sociale”. Per chi volesse fare una donaziona il conto corrente bancario è intestato a Comune di Massarosa (Iban: IT35K0503470172000000000108, nella causale indicare “EMERGENZA CORONAVIRUS”)
(Visitato 160 volte, 1 visite oggi)
TAG:
associiazione culturale mommio castello camici

ultimo aggiornamento: 28-03-2020


Il sindaco scrive a Poste Italiane: “Servizio insufficiente, create assembramenti e disagi”

Coronavirus, il sindaco ha osservato un minuto di silenzio