Il nuovo decreto legge firmato lo scorso 8 aprile dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e conosciuto anche come “Decreto Liquidità” prevede la erogazione di finanziamenti da parte degli istituti di credito fino ad un massimo di 25 mila euro per le piccole e medie imprese danneggiate dall’emergenza coronavirus. Possono usufruire di questa opportunità imprese e persone fisiche esercenti attività d’impresa, anche con esposizioni classificate a “inadempienze probabili” o “scadute o sconfinanti deteriorate”, purché tale classificazione non sia antecedente al 31 gennaio scorso. Si tratta di cosiddetti “nuovi finanziamenti” – sono esclusi cioè consolidamenti di debiti già esistenti in precedenza –  della durata 72 mesi di cui 24 mesi di preammortamento. I finanziamenti saranno garantiti al 100 per cento dal Fondo di garanzia centrale in modo automatico, senza istruttoria né valutazione e gratuitamente. L’importo dell’operazione potrà arrivare fino ad un massimo del 25 per cento dell’ammontare dei ricavi risultante dall’ultimo bilancio approvato dall’impresa o dichiarazione dei redditi presentata anche mediante autocertificazione, fino ad un massimo di 25 mila euro. Gli istituti bancari sono stati chiamati a svolgere istruttorie semplici e potranno erogare senza attendere esito finale istruttoria da parte del gestore del fondo, in modo da velocizzare i tempi. Per ulteriori chiarimenti è possibile rivolgersi agli uffici del credito di Confcommercio Imprese per l’Italia – Province di Lucca e Massa Carrara (responsabile Massimo Gandini 338/2478985.

(Visitato 294 volte, 1 visite oggi)

Coronavirus, i balneari: no al plexiglass. Tra gli ombrelloni abbiamo la giusta distanza”

Violenza di genere, centri e istituzioni insieme per gestire in rete l’emergenza