Negli ultimi anni il digital banking e le soluzioni più innovative e smart di gestione dei risparmi e delle esigenze di spesa hanno fatto irruzione anche nel mercato italiano, arricchendo di nuove alternative e di soluzioni convenienti il portafoglio (digitale o meno) di tantissime persone.

Tra di esse, è salita alla ribalta della cronaca il servizio Oval, in esso, le carte conto Oval Pay: ma di che si tratta?

Cosa sono le carte conto Oval Pay

Iniziamo subito con il rammentare che le carte conto Oval Pay sono uno strumento di pagamento nato all’interno della piattaforma Oval: si tratta di carte di debito, collegate a un conto online con IBAN italiano, che per le sue caratteristiche si colloca a metà tra un conto corrente tradizionale e una carta di credito.

Consigliando a tutti i nostri lettori di approfittare di codice sconto Oval Pay e recensioni del prodotto sul sito carteconti.it, rammentiamo in questa sede che la carta Oval Pay è una carta ricaricabile con circuito di pagamento VISA e, dunque, utilizzabile in tutto il mondo per effettuare pagamenti e acquisti (anche online), in maniera rapida, sicura e conveniente.

Contemporaneamente, però, è una carta di debito: la sua disponibilità coincide infatti con il saldo presente all’interno della tessera. Inoltre, funzionando anche come carta di debito, sarà possibile utilizzare questo strumento per il compimento di operazioni  di prelevamento dai bancomat nazionali e internazionali.

Non mancano le “funzioni” di conto corrente: così come un ordinario rapporto bancario, infatti, sulla carta sarà possibile effettuare e ricevere bonifici, addebitare utenze (anche in domiciliazione) e così via.

Quanto costa Oval Pay

Uno dei grandi benefici derivanti dal possesso e dall’uso della carta Oval Pay è evidentemente legato alla sua economicità.

Contrariamente ad altri strumenti “tradizionali” ben più onerosi, di fatti, la carta Oval Pay non prevede alcun pagamento di canone mensile o di costo di attivazione. Le ricariche possono essere effettuati in contanti, dietro pagamento di una commissione di 2 euro. Non sono invece previsti costi aggiuntivi per i bonifici in entrata.

Altre commissioni, molto contenute, sono inoltre previste per i pagamenti di bollettini postali e RAV (2 euro), e bonifici istantanei (1 euro). I prelevamenti sono gratuiti negli ATM in Europa, mentre sono  a pagamento – fino a 2,5 euro – i prelevamenti in valuta differente da quelli di denominazione della carta di pagamento.

Ricordiamo inoltre che la carta conto Oval Pay non prevede alcun limite di plafond o di movimentazione, rivelandosi pertanto essere uno strumento particolarmente utile sia nel caso in cui si desideri utilizzarlo per le piccole spese o per la gestione di liquidità contenuta, sia per operazioni di importo più rilevante. Non è infine prevista alcuna carta di tipo virtuale, così come effettuare le operazioni di pagamento mediante i sistemi di pagamento digitale Apple Pay e Google Pay. Stando a quanto sostiene la società italo – britannica, però, queste funzionalità saranno attivate tra breve tempo, completando la gamma di operatività in capo all’utente.

(Visitato 171 volte, 1 visite oggi)

Covid 19, Ferrara: “Fontana dovrebbe subito dimettersi”

La Polstrada sequestra tre sottopassi autostradali Salt sulla Bretella: viabilità chiusa