Coronavirus, Baldini (Fdi): Dubbio su idoneità mascherine da Cura Italia.

“Non si fa che parlare di garantire dispositivi di sicurezza e ed accelerare la produzione di mascherine ma si tende a dimenticare che la loro idoneità dovrebbe essere la conditio imprescindibile per l’efficacia della protezione, altrimenti tanto vale appoggiare alla bocca un fazzoletto”. Lo dichiara Maria Teresa Baldini a margine dell’audizione dei rappresentanti della Guardia di Finanza sul decreto liquidità. “Il paradosso – continua Baldini – è che l’articolo 15 del decreto “cura Italia” prevede che la produzione e distribuzione di mascherine possa avvenire in deroga rispetto alla normativa previgente affidando il tutto ad una autocertificazione che il produttore o importatore dovrebbe inviare all’Istituto superiore di sanità propedeutica alla validazione del materiale, una procedura quindi non priva di rischi. Poi non meravigliamoci se vengono sequestrati 2,8 milioni di mascherine non idonee”. “E’ prioritario – conclude Baldini – individuare criteri di legittimità più stringenti al fine di evitare che si inneschi una corsa alla speculazione, favorita anche dagli incentivi, da parte di produttori o di importatori improvvisati”

(Visitato 185 volte, 1 visite oggi)
TAG:
coronavirus maria teresa baldini mascherine

ultimo aggiornamento: 23-04-2020


Sanità: Mallegni (FI), all’Ospedale Versilia operatori eroi ma sistema lento ed inadeguato per emergenza. Con possibilità analisi-tampone meno contagi

Coronavirus, Rossi: “Sulla richiesta di riapertura anticipata il Governo ci ascolti”