Ripartenza per bar e ristoranti, la Cgil: "Rispettare sicurezza e correttezza contratti di lavoro” - Cgil, La voce degli Enti, Sindacati Versiliatoday.it

Ripartenza per bar e ristoranti, la Cgil: “Rispettare sicurezza e correttezza contratti di lavoro”

Fase2 Covid19 per bar e ristoranti, Cgil e Filcams: “Ok ai sostegni pubblici ma per chi garantisce la sicurezza e utilizza lavoratori correttamente assunti. Sì all’uso di spazi all’aperto ma nel rispetto dei residenti e senza danneggiare il riavvio delle attività culturali”

Negli ultimi giorni si sta molto discutendo su come riaprire e come sostenere le attività della ristorazione. Da questo dibattito non può mancare il tema delle condizioni di lavoro in un settore che in passato non ha certo brillato per la lotta al lavoro nero e all’utilizzo di forme lavorative irregolari.

Bar e ristoranti hanno sicuramente sofferto enormemente la chiusura di questi mesi e la riapertura non potrà che essere parziale e rallentata. Per questo non siamo pregiudizialmente contrari a forme di sostegno pubblico al settore.

Qualsivoglia aiuto pubblico deve però essere rivolto alle attività che certificano e dimostrano di utilizzare lavoratori regolarmente assunti. Questo significa nessun lavoratore a nero (o “in grigio”), utilizzo dei Contratti Nazionali firmati dai sindacati maggiormente rappresentativi, nessun utilizzo di tirocini o lavoro a chiamata. Servono inoltre protocolli certi per la tutela della salute e sicurezza per i dipendenti in un settore ad alto rischio per il rapporto ravvicinato con la clientela.

Non c’è dubbio che sarà sicuramente difficile mantenere l’attuale densità di attività ristorative nel centro storico fiorentino, considerando che le presenze turistiche nei prossimi anni sono destinate a una netta riduzione. All’amministrazione chiediamo quindi un impegno anche per sostenere una necessaria riconversione delle attività per mantenere i livelli occupazionali.

All’interno di questa prospettiva siamo disponibili a valutare il tentativo di riaprire bar e ristoranti utilizzando gli spazi all’aperto. A tal proposito vorremmo però ricordare che tale progetto deve essere compatibile con il diritto all’abitare dei residenti; che l’utilizzo del suolo pubblico deve essere tale da permettere la possibilità di vivere gli spazi all’aperto anche per coloro che non vogliono consumare e soprattutto le concessioni alle attività private non devono danneggiare la necessità di utilizzare luoghi pubblici per cercare di riavviare l’attività culturale e didattico-formativa come chiesto giustamente nei giorni scorsi dalla Slc-CGIL e dalla Flc-CGIL.

Proprio come utilizzare gli spazi pubblici nell’interesse collettivo crediamo debba essere un tema di approfondimento dei prossimi giorni.

(Visitato 208 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 13-05-2020 10:31