Il segno della bellezza, gli artisti che hanno raccontato Viareggio - Cultura, Top news Versiliatoday.it

Il segno della bellezza, gli artisti che hanno raccontato Viareggio

Il segno della Bellezza, questo il titolo della mostra inaugurata questa mattina dal sindaco Giorgio Del Ghingaro nelle sale della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea Viani. Presenti all’iniziativa, anche l’assessore Sandra Mei e all’onorevole Carlo Carli che ha curato un testo critico nel catalogo

25 nomi, 52 opere pittoriche, 5 sculture: da Serafino Beconi a Inaco Biancalana, da Uberto Bonetti ad Alfredo Catarsini, passando per Chini, D’Arliano, Michetti, Moses Levy e immancabile, Lorenzo Viani, per un’esposizione che racconta Viareggio, la sua bellezza, i suoi personaggi, la sua luce, vista con gli occhi degli artisti che, nel corso del ‘900 hanno vissuto o anche solo operato in città.

«Viareggio nel corso del ‘900 ha saputo esprimere una straordinaria cultura pittorica – commenta il sindaco Giorgio Del Ghingaro -. E la cosa intrigante di questa mostra è leggere gli stessi avvenimenti raccontati da sensibilità diverse e da diverse mani. Una percezione multiforme della città che attraversava il secolo, crescendo e cambiando, tra i lavori tradizionali, le spiagge, le barche e i primi ombrelloni. Un viaggio attraverso i sentimenti e le emozioni che abbiamo voluto proporre ai nostri cittadini e ai turisti in occasione del 200esimo anniversario della città».

L’esposizione è il risultato di un lavoro di ricerca che ha messo insieme nomi e anime, scovando i collezionisti privati che poi hanno accettato di mettere in mostra a titolo gratuito, le opere: si tratta di Paolo Bellucci, Riccardo Bertini, Giuseppe Biancalana, Paola Chini, Gabriela Domenici, Riccardo Francalancia, Giovanna Lazzarini, Famiglia Liberatore, Carlo Lippi, Franco Menichetti, Claudio Michetti, Maria Luisa Murri, Antonello Santini, Salvatore Pieraccini, Fabrizio Zucconi.

Il Tour Virtuale: la tecnologia viene in aiuto all’arte e ai musei ai tempi del Covid. Sul sito della Gamc è possibile infatti visitare l’intera esposizione. Una visita virtuale interattiva con contenuti multimediali, realizzata grazie a foto sferiche degi ambienti, ricavate da tecnologia laserscanner alle quali sono collegate le immagini.

«Un regalo che abbiamo voluto fare a tutti i cittadini che non si spostano con facilitàcommenta l’assessore alla Cultura Sandra Mei – e al mondo intero viste le naturali interconnessioni del web. Un esperimento nuovo per Viareggio che viaggia sulla scia dei grandi musei italiani ed europei».

«Il mio personale grazie va a tutti i collezionisti per la disponibilità dimostrata – conclude il sindaco – e tutti coloro che hanno collaborato all’allestimento».

Si ricorda che la Gamc è aperta dal giovedì al sabato dalle 15,30 alle 19,30 e la domenica dalle 9,30 alle 13,30 e dalle 15,30 alle 19,30. A luglio partirà invece l’orario estivo con le ulteriori e consuete aperture serali.

(Visitato 319 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 25-06-2020 16:29