Intensa e commossa partecipazione a Ripa per l'ultimo saluto a Paolo Costa - Cronaca Seravezza Versiliatoday.it

Intensa e commossa partecipazione a Ripa per l’ultimo saluto a Paolo Costa

Intensa e commossa partecipazione domenica scorsa a Ripa per l’ultimo saluto a Paolo Costa. Tanti gli amici, i conoscenti, gli ex colleghi, i semplici cittadini convenuti in piazza Europa per stringere in un affettuoso abbraccio la famiglia e ricordare un uomo che nel corso della vita si è speso con generosità facendosi apprezzare per le sue qualità umane e professionali. Alla cerimonia di benedizione delle ceneri officiata dal parroco don Roberto Buratti, coadiuvato nell’occasione da don Giuseppe Napolitano della parrocchia di Querceta, ha partecipato al completo l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Riccardo Tarabella. Presenti anche i delegati della sezione Anpi “Gino Lombardi” di Pietrasanta, rappresentanti delle forze dell’ordine, esponenti del mondo politico, sportivo, associativo e del volontariato versiliese. Colpita dalla straordinaria dimostrazione di affetto ricevuta, la famiglia ringrazia sentitamente tutti gli intervenuti e coloro che hanno dedicato un pensiero al caro Paolo.

Nell’omelia il parroco don Roberto Buratti ha ricordato i molti legami che Paolo Costa ha saputo creare e coltivare nel corso della sua vita e ha rimarcato la semplicità del suo esserci sempre, in modo utile ed efficace ma senza mai occupare il centro della scena.

Commovente la testimonianza del sindaco Riccardo Tarabella, che ha ricordato il collaboratore fidato e l’amico. «Paolo ha saputo farsi benvolere da tutti per le sue doti umane», ha detto il primo cittadino di Seravezza. «Apparentemente scontroso e chiuso, era invece aperto, un “vero” uomo sensibile ai sentimenti umani. Nel lavoro si è fatto sempre apprezzare. In Comune, nel suo ultimo impegno a titolo gratuito, è stato ineccepibile. Gli sarò riconoscente a vita e non scorderò i tanti giorni trascorsi assieme a lavorare per la comunità. Così come non scorderò i venticinque anni di amicizia che legano le nostre famiglie. I semi che ci ha lasciato faremo sì che non si disperdano».

Colmo d’affetto anche il ricordo tratteggiato dai responsabili dell’Anpi, che hanno voluto rimarcare la profonda fede antifascista ereditata dal padre Moreno e l’impegno di Paolo per la realizzazione del Monumento allo sminatore di Ripa, la pubblicazione del libro “Quattro anni sulla Linea Gotica”, l’organizzazione dei viaggi della memoria per gli studenti ai campi di sterminio nazisti. «A Moreno e Paolo Costa dedicheremo il fondo documentario sulla Resistenza che creeremo a Seravezza e che proprio con Paolo stavamo organizzando prima della sua improvvisa scomparsa», hanno annunciato i dirigenti Anpi.

(Visitato 292 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 29-07-2020 13:55