“I consiglieri di tutti i gruppi di opposizione hanno ripresentato la mozione di sfiducia al presidente del consiglio comunale.  Dovrà essere discusse per legge entro 30 giorni”.

“Hanno lo scopo di fare chiarezza – scrivono le minoranze – oltre a ribadire i motivi per i quali i vertici del comune devono andarsene.  Motivi che sono nella coscienza del nostro comune,  sono largamente condivisi s sinistra, al centro e a destra, sono sotto gli occhi di tutti e non hanno ancora determinato un fatto istituzionale solo per l’attaccamento alla poltrona di alcuni e gli interessi elettorali di altri. Siamo in presenza della peggiore amministrazione del comune dalla sua fondazione.  Ogni giorno che passa sono nuovi danni al comune: è giusto che ognuno si assuma le sue responsabilità,  che si verifichi formalmente se c’è e come è composta la maggioranza che sostiene lo sfascio del nostro Comune. In modo che nessuno possa più fare finta di niente e chi esercita abusivamente ruoli che spettano all’opposizione si assuma le sue responsabilità”

Ecco il testo delle mozione

MOZIONE DI SFIDUCIA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE

Considerato che il Presidente del Consiglio comunale:

– ha omesso di adempiere a quanto previsto dal Regolamento sul Decentramento e la Partecipazione e in particolare dall’art.3, comma 2 e successivi, impedendo l’elezione di organismi previsti dalla Statuto del Comune di Massarosa quali sono i Comitati di Rappresentanza Locale;

– che l’omissione di cui all’alinea precedente infrange valori di decentramento e partecipazione fissati e disciplinati dallo Statuto, che non sono stati perseguiti in altro modo anche eventualmente promuovendo riforme dell’attuale assetto degli istituti statutari;

– non ha mai perseguito uno spirito di collaborazione con i gruppi consiliari e di condivisione del funzionamento delle istituzioni comunali nemmeno nei momenti, minimi, in cui lo Statuto ed i regolamenti fondamentali prevedono che tale collaborazione sia almeno promossa;

– ha messo ai voti e votato favorevolmente una mozione nella quale si richiedevano le dimissioni di tre consiglieri dell’opposizione consiliare con ciò accettando e impegnando il Consiglio in un atto che pur impossibile negli effetti, per la sua natura grottesca e offensiva dei principi democratici ha determinato disdoro per l’istituzione rappresentata dal Presidente e ha costituito un’attività istituzionalmente inaccettabile, e tale da interrompere i doveri in capo al Presidente di tutelare ruolo e dignità di tutti i componenti del Consiglio comunale;

– ha omesso perfino di rispondere a richieste di intervento sui presidenti delle commissioni per promuoverne la convocazione su argomenti di largo interesse e su richiesta di consiglieri comunali e soggetti delle formazioni sociali;

– è stato largamente assente dal Comune nei mesi della pandemia, in un momento in cui il coinvolgimento istituzionale, la comunicazione istituzionale e la garanzia del ruolo del Consiglio comunale sarebbero stati particolarmente importanti;

– in occasione del voto sul bilancio, è stata negata una tempestiva informazione ai consiglieri di opposizione su elementi conoscitivi essenziali e noti invece ai consiglieri di maggioranza;

– Ritenuto:

  • che il quadro più sopra delineato faccia venir meno il rapporto fiduciario col Presidente del Consiglio comunale inteso non in senso politico, ma nel senso di garanzia di adempimento dei compiti istituzionali, previsti dall’ordinamento e dallo Statuto del Comune di Massarosa, che incombono su tale figura;
  • pertanto che il Consiglio comunale debba esprimere la formale sfiducia al Presidente del Consiglio comunale, nel senso, nei termini e limiti e per gli effetti di cui all’art. 10, comma 11 dello Statuto del Comune di Massarosa;

Visti:

  • l’articolo 10, comma 11 dello Statuto del Comune di Massarosa;
  • visto l’articolo 44 del Regolamento del Consiglio Comunale;

allo scopo di esprimere la formale sfiducia al Presidente del Consiglio comunale di cui all’art 10, comma 11 dello Statuto del Comune di Massarosa e al fine di determinare gli effetti previsti dall’art. 44, comma 3, del regolamento del Consiglio Comunale di Massarosa;

DELIBERA

  1. di approvare la mozione di sfiducia al Presidente del Consiglio comunale di cui all’art. 10, comma 11 dello Statuto del Comune di Massarosa al fine di determinarne la cessazione dalla carica e gli altri effetti previsti dall’articolo 44 del regolamento del Consiglio comunale;
  2. di dare atto e ribadire che la mozione è motivata come nei “considerato” delle premesse, che qui sono assunti integralmente.
(Visitato 349 volte, 1 visite oggi)

Abusiva la casa dell’assessore

“Che il Prima Cittadino torni il cittadino di prima”.
8 consiglieri firmano la sfiducia a Coluccini