Delibera sul mercato ittico, ad oggi inesistente. Rimane inopportuno, secondo Più Democrazia, candidarsi nella lista del sindaco uscente ed essere l’aggiudicataria della gara per il Mercato Ittico.

“L’ acrimonia di Alessandra Malfatti, candidata per Giorgio del Ghingaro e, contestualmente, aggiudicataria della gestione del mercato ittico, ci dispiace. Per quanto ci riguarda le realtà viareggine devono essere premiate sempre, secondo correttezza e trasparenza. E’ per questo che giudichiamo inopportuna la sua candidatura contestuale all’affidamento dell’ittico alla associazione che ella rappresenta. Non ce ne voglia, ma per noi trasparenza e onestà intellettuali vengono al primo posto. Ed è per questo che siamo stupiti che la signora Malfatti faccia riferimento ad una delibera che, formalmente, ad oggi, non esiste.

La delibera non è sull’albo pretorio quindi, delle due l’una: o la signora Malfatti ed il sindaco hanno una delibera non pubblicata o il sindaco ha tratto in inganno la signora facendole credere che la stessa esiste. Comunque la si voglia mettere, non è cosi che si gestisce un Comune, che non è “cosa propria” ma “casa comune” e, pertanto, ha l’obbligo della trasparenza.

Il nostro sogno rimane infatti un Comune limpido, con delibere pubbliche e pubblicate e non con carte che entrano e spariscono nelle stanze a seconda delle convenienze, vogliamo un comune dove chi gestisce la cosa pubblica non abbia interessi personali in città, ma abbia a cuore solo l’interesse collettivo”.

(Visitato 361 volte, 1 visite oggi)

Premio Viareggio Rèpaci, Pasquinucci: una domanda ed una riflessione

Supermercato Pam: “Riassumere e risarcire i lavoratori e chiedere scusa alla città”