Italia dei Valori: Viareggio “Mafia” immobili sequestrati, avranno la loro destinazione attraverso un bando di gara. Ne condividiamo la scelta, ma si faccia attenzione nel selezionare i partecipanti.

Per gli immobili confiscati alla mafia, il Comune di Viareggio, ha individuato le sue destinazioni, la nascita della Casa della legalità e un Gruppo appartamento per giovani maggiorenni in uscita da strutture residenziali per minori: Noi dell’Italia dei Valori scrive Domenico Capezzoli Coordinatore provinciale del  Partito, condividiamo la scelta presa dal Comune, il quale ha ottenuto, dalla Regione l’erogazione di contributi circa 66.894 euro (pari all’75% del contributo richiesto) che servivano a coprire i costi della manutenzione straordinaria necessaria al ripristino delle due unità immobiliari rendendole così finalmente disponibili al loro uso sociale. Si faccia attenzione alla selezione dei partecipanti.

In Italia prosegue Capezzoli, bisogna combattere in maniera forte la mafia e lo Stato deve dare l’ esempio utilizzando i beni confiscati, volgendone il ricavato o l’utilizzo, al bene della collettività. Il nostro intento è sottolineare il valore enorme di questi beni, pari circa ad 80mld di euro”.La nostra proposta”Rafforzamento dell’Agenzia Nazionale dei beni confiscati; la consegna in tempi rapidi ad enti locali e associazioni, che ne facciano richiesta, soltanto dei beni congeniali alle loro attività; la vendita dei beni mobili e di quelli immobili non richiesti; un regime agile e certo di gestione delle migliaia di aziende confiscate. Punto imprescindibile: la trasparenza sulla gestione e la prevenzione di qualsiasi conflitto d’interesse. In un Paese che ha bisogno di risorse per rilanciare l’economia, troviamo inopportuno che questo patrimonio, disponibile, sia lasciato giacente”.

(Visitato 101 volte, 1 visite oggi)

Competenza, umanità e libertà. Del Ghingaro: “I tre ingredienti per governare Viareggio”

Alberto Veronesi sulle accuse di presunte irregolarità nella gestione dei Fondi del Pucciniano: “Chi ha voluto rilanciare, oggi, tale questione è perché a corto di argomentazioni”