I fumi della campagna elettorale sulla prima assise viareggina. Ostruzionismo da parte dell’opposizione sulla elezione del presidente del consiglio comunale di Viareggio, sono state necessarie ben 4 votazioni prima di eleggere Paola Gifuni, in forza a Viareggio Democratica, riconfermata nella seconda carica più importante dopo il sindaco.

Dopo il giuramento, l’investitura ufficiale del primo cittadino e il suo discorso di insediamento:

“Buongiorno a tutte e tutti. Saluto e ringrazio i consiglieri e gli assessori del mandato precedente che hanno dato il proprio contributo per il rilancio della città. Un affettuoso saluto ai sindaci che mi hanno preceduto, consapevole dell’impegno che hanno avuto per Viareggio; al nuovo Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, al quale garantisco sin da ora piena collaborazione nell’interesse dell’intera comunità regionale.

Auguro un sereno e proficuo lavoro alla Presidente del Consiglio, alle donne e agli uomini eletti nelle consultazioni del 20 e 21 settembre e a tutti coloro che continuano a svolgere la propria opera negli organismi partecipati e nelle fondazioni.

I cittadini di Viareggio hanno scelto un Consiglio ed un sindaco, espressioni della volontà popolare, che da oggi diventano istituzioni a servizio dell’intera comunità viareggina. Abbiamo un compito molto importante: lavorare insieme, con senso di responsabilità, per il bene della nostra città.

Le molte sfide che abbiamo di fronte, a livello locale e nazionale, richiedono una grande collaborazione con il Consiglio e all’interno del Consiglio stesso.

Questo non vuol dire annullare le differenze politiche tra gli schieramenti che sono chiaramente emerse anche nell’ultima campagna elettorale; significa però riuscire a trovare una sintesi alta, all’interno di una corretta dialettica politica, in cui il confronto sia caratterizzato da argomenti e temi che interessino l’intera comunità viareggina. Una comunità che ha fatto una scelta chiara e precisa e che oggi attende proposte serie e concrete.

La nostra disponibilità al dialogo e alla mediazione sarà la risposta forte alla fiducia che le donne e gli uomini di Viareggio ci hanno affidato; lo stile di governo dei cinque anni precedenti, così come quello adottato nella recente campagna elettorale saranno la bussola della nostra prossima azione amministrativa.

Continueremo a far crescere la città, a promuovere bellezza, cambiamento, inclusione sociale e sviluppo sostenibile.

Molte cose sono state realizzate, molti interventi sono in fase di avvio o in corso d’opera, altri costituiranno il complesso delle idee nuove e partecipate che arricchiranno il nostro mandato.

Il cambiamento è stato reso possibile da uno straordinario lavoro che ha consentito di uscire da un dissesto pesante che frenava la città e la sua possibilità di sviluppo.

Oggi Viareggio, nelle difficoltà della situazione mondiale e nazionale, può guardare al futuro con rinnovato ottimismo, può raggiungere l’obiettivo di essere una grande città europea che non lascia indietro nessuno.

La pandemia ancora in corso, che è piombata all’improvviso nelle nostre vite, ci ricorda che dobbiamo garantire pari opportunità per tutti, che dobbiamo essere in grado di offrire occasioni di crescita e riscatto sociale, che dobbiamo prevedere, in caso di bisogno, misure di sostegno ai cittadini, ai professionisti e alle imprese.

Nei giorni dell’emergenza Viareggio ha dimostrato grande senso di responsabilità e coesione sociale, i cittadini hanno reagito alla difficile situazione sanitaria con impegno e generosità. Valori fondamentali per una comunità che guarda al futuro con speranza e voglia di riscatto. Per questo la salvaguardia della salute dei cittadini deve necessariamente essere il primo punto dell’Agenda di governo.

Chi, come noi, ha l’onore e il dovere di guidare questa meravigliosa città deve farlo partendo dai bisogni, dalle richieste, dalle esigenze del tessuto sociale ed economico con la consapevolezza che i cittadini attendono interventi seri e azioni trasparenti.

Viareggio è tornata ad essere protagonista, ci attende ora un nuovo e stimolante lavoro per consolidare e migliorare i risultati raggiunti, programmando altre ambiziose sfide. Per questo continueremo a proporre un’iniziativa politica che non si perda dietro ai riti, alle inutili ed effimere strumentalizzazioni, ma che guardi alla concretezza degli obiettivi e dei risultati. Un governo della città che sappia coniugare il bene pubblico con il dinamismo e la creatività che appartengono al Dna della Comunità viareggina.

Oggi la nostra città è più bella e vivibile, oggi i luoghi simbolo della storia e della tradizione sono tornati a splendere; tutto questo è stato possibile grazie alle nostre scelte di governo ma anche e soprattutto grazie al protagonismo della società civile, degli attori economici e sociali, di una comunità finalmente svincolata dagli orpelli che nel passato avevano frenato la sua naturale spinta innovativa.

Cinque anni fa abbiamo trovato una città ferita e amareggiata, oggi Viareggio rivendica con orgoglio l’inizio di un nuovo percorso nell’ottica della bellezza, dell’intraprendenza, della modernità, della sua storica ambizione artistica e culturale.

In questo quadro, tenendo conto delle situazione generale, ci poniamo altri grandi obiettivi: generare una buona occupazione che vada oltre la stagionalità, sostenere i settori trainanti della nostra economia, stimolare l’imprenditoria innovativa anche in collaborazione con le università, valorizzare la creatività, favorire la coesione sociale e l’integrazione all’interno della nostra Comunità, sostenere chi fa sport e chi promuove eventi sportivi, garantire lo sviluppo sostenibile del territorio, considerare lo stare bene a Viareggio come elemento primario di crescita.

Viareggio città di mare che guarda alle grandi città europee di pari livello per riprendersi, anche nei settori turistici e ricettivi, quel ruolo che l’ha resa famosa e conosciuta in tutto il mondo.

Trasparenza, competenza, sobrietà e concretezza continueranno ad essere i cardini della nostra azione amministrativa e politica che, partendo dal civismo, si è aperta a quei soggetti democratici e progressisti che condividono i grandi valori dell’antifascismo, della solidarietà, dell’inclusione sociale. Temi ancora attuali, visti i molti rigurgiti antidemocratici che stanno attraversando la nostra società.

La Libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando inizia a mancare” è una frase di Piero Calamandrei.

Parole di grande attualità non solo per il panorama politico, ma anche per l’emergenza che stiamo vivendo e che ha cambiato il nostro modo di incontrarci.

Essere liberi significa poter scegliere ma anche garantire tutela a noi stessi e agli altri; perché come ha detto il Presidente Mattarella “Noi amiamo la libertà, ma anche la serietà”.

Noi stiamo dalla parte dei diritti e delle pari opportunità perché ciascuno di questi valori rappresenta un aspetto da salvaguardare e proteggere: dai diritti civili e politici che determinano la libertà di ciascuno di noi, ai diritti economici, sociali e culturali fino ai diritti di solidarietà nati per tutelare le categorie più deboli.

Anche da questi valori nascono le nuove sfide che ci attendono a livello amministrativo e politico; molti sono i progetti in fase di realizzazione (penso alla terrazza della Repubblica, allo stadio dei Pini, al Mercato di Piazza Cavour, al Piano straordinario per Torre del Lago); tanti saranno i nuovi obiettivi che condivideremo e realizzeremo insieme.

Elenco alcuni dei grandi temi che ci attendono:

la mobilità sostenibile per rendere Viareggio moderna ed ecologica

il completamento della via del Mare

il piano strutturale

il welfare per tutti per superare la logica delle emergenze e individuare soluzioni eque e solidali (sostegno al reddito, servizi per gli anziani, investimenti nei servizi per l’infanzia)

la riqualificazione della città e dei suoi quartieri per proseguire i tanti interventi già portati a termine nei cinque anni precedenti

il calendario unico per gli eventi culturali, sportivi e turistici

il supporto e la collaborazione sempre più ravvicinata con i settori strategici della nostra economia (penso alla cantieristica, alla pesca, al florovivaismo)

gli interventi per proseguire il grande lavoro in tema di libertà urbana svolto in questi anni in collaborazione con tutte le forze dell’ordine

la vicinanza attenta e collaborativa al mondo del volontariato che a Viareggio ha una vitalità straordinaria.

La nostra idea di Viareggio si basa su alcuni pilastri che intendiamo rafforzare: vogliamo una città libera, accogliente e inclusiva, una città capace di emozionare e stupire, una comunità che guarda al futuro con ottimismo. Una città unica ed unita dove non si faccia distinzione tra centro e periferia.

Un’idea alta che possiamo perseguire se lavoreremo tutti insieme, con senso di responsabilità e condivisione dei principi, nell’interesse esclusivo dei cittadini.

Garantisco tutto il mio impegno per restituire ai cittadini di Viareggio la fiducia che hanno voluto concedermi. Ma so anche che il lavoro da solo non basta, servono entusiasmo e passione, quegli elementi indispensabile per correre insieme ad una città alla quale voglio bene e che mi regala ogni giorno nuove emozioni.

Buon lavoro a tutti noi!”

Poi, a seguire, le linee programmatiche:

Dopo cinque anni di lavoro cha hanno riportato Viareggio ad avere un ruolo importante, in ambito comprensoriale e nazionale, intendiamo proseguire il lavoro svolto. Alcuni valori sono stati e saranno il cardine della nostra azione amministrativa: la trasparenza, l’onestà, la competenza e la passione. Di seguito proponiamo la sintesi delle nostre linee programmatiche che saranno integrate ed ampliate con il contributo della coalizione.

I nostri obiettivi sono ambiziosi e concreti: li realizzeremo insieme alle forze politiche che ci sostengono e ai cittadini, con determinazione e tenacia, con umiltà e coesione.

I NOSTRI VALORI, LA BUSSOLA DELLA NOSTRA AZIONE DI GOVERNO

Partiamo dai nostri valori, quelli che ci contraddistinguono e delineano la nostra identità.

1. Lo stile: governare per la città significa scegliere uno stile sobrio e concreto, significa anteporre i fatti alle parole, significa mettere al primo posto gli interessi della collettività, non di se stessi e di una ristretta cerchia di amici. Noi abbiamo un progetto per Viareggio, noi siamo stati e saremo il cambiamento.

Insieme abbiamo riportato Viareggio ad occupare il posto che merita nel panorama nazionale ed europeo. Continueremo su questa strada, con stile ed educazione, con impegno e passione, con tenacia e determinazione.

2. La squadra: i risultati raggiunti sono il frutto di un lavoro collettivo in cui ognuno ha avuto un ruolo importante. Lavorare insieme per cambiare la città è stato e sarà il cardine dell’impegno del sindaco e della giunta, dei consiglieri, dei componenti delle aziende partecipate, delle donne e degli uomini che si riconoscono nella nuova stagione viareggina. La coesione, l’unità, lo spirito di gruppo saranno il valore aggiunto della nostra azione di governo. Insieme si cambia, insieme si progetta e si realizza il futuro della nostra città.

3. L’emergenza Covid: abbiamo trascorso mesi difficili, abbiamo affrontato una prova straordinaria che ha richiesto tante energie economiche ed umane. Viareggio ha reagito con forza e dignità, la Comunità si è unita, ha dato prova di maturità e coesione dimostrando un grande senso di responsabilità. Arriva adesso il momento di non gettare via gli sforzi fatti e di proseguire sulla strada della prudenza e dell’attenzione.

Questa situazione ha determinato anche grandi problemi economici: dipendenti, liberi professionisti e imprese si sono all’improvviso ritrovati nella stretta del lockdown con pesanti ricadute in termini lavorativi ed economici.
Un’Amministrazione attenta e vicina alle persone continuerà a dare segnali concreti attraverso provvedimenti a sostegno del territorio, dei cittadini, delle famiglie e delle imprese.

Misure concrete e importanti come lo sconto sulla tariffa dei rifiuti, la diminuzione dell’Irpef, la gratuità del suolo pubblico per l’anno 2020, l’eliminazione dell’imposta di soggiorno fino al 31 dicembre e il rinvio del pagamento delle concessioni di Piazza Cavour.

4. La coalizione: cinque anni fa ci siamo presentati agli elettori con cinque liste civiche, espressione del tessuto economico, culturale e sociale della nostra città. Insieme abbiamo fatto un grande lavoro, insieme abbiamo ottenuto risultati importanti.
Alle nostre liste civiche che esprimono, nella ricchezza della diversità, la varietà della società viareggina, si uniscono il Partito Democratico, Italia Viva, Più Europa, Italia dei Valori, Partito Socialista Italiano, Italia in Comune, Volt, Europa verde. Con loro si arricchisce la nostra offerta politica e si amplia il fronte democratico e progressista di una coalizione che condivide un unico grande obiettivo: continuare il cambiamento per restituire a Viareggio la dignità e il prestigio che merita.

Le nostre radici sono forti, le sostengono i valori che appartengono alla nostra tradizione democratica: l’uguaglianza, la solidarietà, l’antifascismo. Valori che in questo periodo in cui riaffiorano rigurgiti populisti e sovranisti, ritornano ad essere fondamentali per la costruzione di una comunità unita e consapevole.

Le nostre liste sono otto: Buonsenso, Europa Verde, Giovani per Viareggio, Lista Del Ghingaro, Partito Democratico, Progetto per Viareggio, Uniti per Viareggio e Torre del Lago, Viareggio Democratica.

5. La politica come progetto in grado di cambiare le nostre città: questo significa tradurre i tanti progetti elaborati in azioni concrete, lavorare con passione per lo sviluppo del territorio e il benessere della Comunità. Lo abbiamo fatti nei 5 anni di governo con risultati tangibili e concreti, lo faremo nel prossimo mandato.

6. Il sogno: ci siamo presentati agli elettori, nel 2015, con tanti sogni. Dopo cinque anni possiamo affermare, con orgoglio, che tante grandi piccole opere hanno cambiato il volto della nostra città. Siamo partiti da una situazione di dissesto, ci siamo messi al lavoro per mettere in ordine i conti; oggi il bilancio comunale è sano e l’ente pubblico può investire per i cittadini e per le imprese. Grazie al risanamento del bilancio, abbiamo iniziato a finanziare e realizzare interventi per la città: le opere pubbliche, le manifestazioni culturali e musicali, il sostegno alle fasce più deboli, lo sviluppo sostenibile della città. Tante grandi e piccole opere che continueremo a realizzare.

Il nostro progetto per Viareggio continua: insieme, nei prossimi cinque anni, raggiungeremo altri importanti traguardi. Il nostro obiettivo è ambizioso ma Viareggio, le donne e gli uomini di questa straordinaria città, hanno le potenzialità per puntare in alto.

LA GRANDE BELLEZZA

Il Porto: il porto di Viareggio non è solo un’immagine da cartolina, è il cuore pulsante della nostra città. Dopo averlo acquistato, nel 2019, tramite la società iCare, sono iniziati i lavori di messa in sicurezza e manutenzione per rendere questa infrastruttura moderna, efficiente e accogliente.

Perché Viareggio, oltre al turismo, è conosciuta nel mondo per l’eccellenza della cantieristica navale, settore trainante del tessuto economico e produttivo e per la sua marineria con una delle flotte di pescherecci più importanti d’Italia. Lo sviluppo dell’area passerà anche dalla sua accessibilità: il completamento della Via del Mare costituirà un elemento di valorizzazione non solo dell’area portuale ma di tutta la città di Viareggio.

Dopo l’inaugurazione del mercato ittico, struttura moderna e suggestiva, proseguirà il nostro impegno: vogliamo predisporre un Piano Strutturale della Nautica in grado di contemplare interventi per tutte le realtà di questo importante comparto.

La Passeggiata di Viareggio: il nostro biglietto da visita nel mondo, sarà oggetto di ulteriori interventi per il decoro e la valorizzazione di questo splendido lungomare. In particolare sarà completato il rifacimento del manto e dei marciapiedi da Piazza Mazzini alla Terrazza della Repubblica.

La Torre Matilde: simbolo della storia e delle tradizioni viareggine, dopo la completa ristrutturazione potrà ospitare eventi e manifestazioni culturali.
Il mercato di Piazza Cavour: il project financing approvato consentirà la realizzazione di un mercato moderno, accessibile e bello. Il progetto coniuga tradizione e modernità e prevede la ristrutturazione e valorizzazione di un’area di assoluto pregio architettonico. Vogliamo realizzare un mercato nuovo e sostenibile dove la tradizione che appartiene alla storia di questo luogo simbolo della città si coniughi con la modernità sul modello dei mercati presenti in tante città europee.

La Terrazza della Repubblica: dopo la prima fase dei lavori che ha visto la sistemazione dei sottoservizi e la sostituzionedell’illuminazione pubblica, possono finalmente arrivare a conclusione gli interventi per il rifacimento della Terrazza della Repubblica che avrà una nuova pavimentazione in travertino e potrà tornare ad essere il naturale completamento della Passeggiata.

Torre del Lago e il Belvedere Puccini: la riqualificazione dell’intera frazione di Torre del Lago prevede una serie di interventi che interesseranno il Belvedere Puccini, anche in vista delle celebrazioni che saranno organizzate nel 2024 per i 100 anni dalla morte del grande compositore.

Il porticciolo della frazione, in accordo con l’Ente Parco, sarà sistemato e attrezzato per lo svolgimento di attività sportive veliche, innovative e sostenibili come la sperimentazione di barche elettriche per esplorare il lago.
E poi ci saranno tanti altri lavori che interesseranno questa frazione: Torre del Lago, infatti, sarà interessata da un Piano Straordinario che prevede investimenti per dieci milioni di euro, anche in collaborazione con altri Enti che daranno il loro contributo.

Le piazze come salotti sul mare: le nostre piazze, affacciate sul mare, richiedono di essere valorizzate e curate negli arredi, nella pavimentazione, nei getti delle fontane finalmente tornate a zampillare acqua.
La nostra idea è quella di liberare le piazze dalle auto creando parcheggi sotterranei sostenibili e ecologicamente compatibili. Partiremo da Piazza D’Azeglio che in questi anni è stata oggetto di piccoli interventi di manutenzione per ridare decoro alla zona e proseguiremo con Piazza Mazzini che, con il suo splendido affaccio sul Belvedere delle Maschere, offre scorci panoramici mozzafiato.

Le nostre piazze, dopo i miglioramenti effettuati in questi anni e dopo la completa risistemazione di Piazza Puccini, torneranno ad essere belle, vivibili, sicure.
E poi altri interventi per restituire bellezza alla nostra città: un investimento di 2 milioni di euro, per la ristrutturazione completa dell’ex Arengo, compresi gli affreschi di Menghino; i lavori nei complessi popolari Lenci e Fontanini, la demolizione dei silos della Salov ed il progetto, già approvato, per la riqualificazione di uno degli ingressi principali della città, nel quartiere Marco Polo.

LO SVILUPPO SOSTENIBILE ED ECOCOMPATIBILE

Lo sviluppo sostenibile del territorio è stata una delle priorità amministrative e di governo. In quest’ottica si inseriscono i tanti interventi per l’estensione e la manutenzione della rete fognaria, il piano per la qualità dell’aria, il conseguimento di importanti riconoscimenti come la bandiera blu, la gestione dei rifiuti in un’ottica completamente diversa con tante iniziative innovative: dalla raccolta porta a porta all’eliminazione della plastica monouso. Viareggio e Torre del Lago oggi sono più pulite, più vivibili, più ecologiche. Proseguiremo su questa strada realizzando altri importanti interventi.

La città di Viareggio, per la sua conformazione pianeggiante, per l’estensione limitata, per il clima mite e la bellezza paesaggistica ha tutte le caratteristiche per diventare “città della bicicletta”. Questa scelta avrebbe ricadute positive sia a livello di vivibilità urbana sia come risposta ad un turismo sempre più attento alle problematiche ambientaliste. Questi sono i nodi principali sui quali deve incentrarsi l’azione amministrativa:

• collegamenti ciclabili adeguati e sicuri tra centro-città, quartieri periferici e Torre del Lago: In questo ambito sarà realizzato il collegamento alla Cittadella del Carnevale attraverso un percorso ciclabile e pedonale.


• collegamento ciclabile tra la stazione-mare-periferie

• posizionamento di stalli adeguati per numero, sicurezza e ubicazione


• collegamento ciclabile organico e completo a Torre del Lago tra mare, camping, centro frazione e lago.
Saranno inoltre intraprese azioni per il rilancio del settore florovivaistico con la creazione di iniziative specifiche per lo sviluppo e l’affermazione di questa importante realtà produttiva.

LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE

Dopo 21 anni abbiamo dotato la città di un Regolamento urbanistico che consente uno sviluppo ordinato e omogeneo del territorio. Si tratta di uno strumento fondamentale, non solo per la ristrutturazione e l’edificazione di nuovi edifici, ma anche per la tutela del patrimonio del verde pubblico e privato, per la mobilità alternativa e per la qualità dell’aria. Attraverso un’attenta pianificazione urbanistica e territoriale sarà garantito uno sviluppo omogeneo e sostenibile; questi i principali strumenti che verranno rivisti: il piano delle pinete, in collaborazione con l’Ente Parco, il Piano Strutturale della nautica, il Piano strutturale della città.

Una serie di azioni che consentiranno di disegnare e realizzare una città moderna, dinamica, attenta alle esigenze dei cittadini e delle imprese.
A questi si affiancherà un Piano del Verde per definire le infrastrutture verdi e valorizzare il paesaggio attraverso la creazione della rete del verde urbano, la progettazione dei parchi urbani, la riqualificazione degli spazi aperti per un miglioramento della qualità della vita dei cittadini, in termini di salute, fruibilità degli spazi e incentivazione dell’economia locale.

AGRICOLTURA E PESCA

Viareggio è centrale per il settore florovivaistico: vogliamo istituire un “tavolo verde” con tutti i soggetti interessati (associazioni agricole, imprenditori, stake holders), che abbia l’obiettivo di integrare un’offerta già importante nel circuito del turismo gastronomico e della cultura.
Stesso discorso per la Pesca. Abbiamo la seconda flotta per numero e per importanza della Toscana e la prima dell’Ato Tirreno: il settore ha bisogno di investimenti, attenzione e innovazione. Elementi che possono favorire sinergie tra percorsi diversi, sia didattici che turistici. La salvaguardia dell’ambiente poi è prioritaria: è importante valutare la possibilità di creare aree di ripopolamento del mare che siano a beneficio della collettività.

LA CREATIVITÀ E LA CULTURA

La nostra città è conosciuta nel mondo per il Carnevale e per il Festival Puccini. Intorno a queste due manifestazioni si sviluppa la nostra proposta culturale.
Due eventi che, nel solco della tradizione, si sono rinnovati e hanno acquisito, negli ultimi anni, una dimensione più ampia e una maggiore visibilità.

Dopo il risanamento finanziario delle due Fondazioni si continuerà a puntare sull’internazionalizzazione dei brands e su un marketing mirato per far conoscere le due manifestazioni a livello internazionale. Si potranno sfruttare, in quest’ottica due ricorrenze importanti: 150 del carnevale nel 2023 e 100 anni dalla morte di Puccini nel 2024.

Viareggio è creatività, arte, musica e letteratura: il Premio Viareggio Rèpaci, giunto alla 91 edizione, ogni anno ci fa rivivere, attraverso le parole, emozioni che solo i grandi scrittori sanno trasmettere. Un premio che sarà sostenuto e valorizzato per avere una risonanza sempre più ampia.

E poi le mostre organizzate nelle sale della Gamc, cuore pulsante del nostro polo culturale e i grandi eventi: dopo i concerti di Lorenzo Jovanotti, la nostra città è pronta ad accogliere altri artisti di grande valore.
Sul fronte delle biblioteche saranno potenziati gli orari ed i servizi della biblioteca comunale in Piazza Mazzini e a Torre del Lago anche attraverso la realizzazione di spazi multimediali ed aule studio per i ragazzi dove potranno essere organizzati corsi di apprendimento della lingua italiana e spazi per un doposcuola comunale da dare in gestione ad associazioni culturali dotate delle opportune credenziali ministeriali.

Per quanto riguarda il Cinema all’aperto il successo dell’iniziativa presso la Cittadella del Carnevale consentirà di programmare un cartellone estivo da coordinare con il resto della programmazione.
A Viareggio esistono molte realtà culturali: Cittadella del Carnevale, Teatro Pucciniano, Villa Borbone, Villa Paolina, il Museo della Marineria, Palazzo delle Muse che potrebbero valorizzare le proprie sinergie e proporre un cartellone di eventi per tutto l’anno e per l’intero territorio versiliese.

Nell’ottica di creare una sinergia ed una cabina di regia unica per l’organizzazione di eventi e la gestione di spazi pubblici culturali è stata recentemente costituita l’Istituzione Culturale Rosetta che si occuperà di coordinare la creazione di un calendario unico delle attività culturali.

LA VICINANZA E LA SOLIDARIETÀ

Anche gli ultimi mesi, con l’emergenza Covid, hanno dimostrato l’importanza di una rete di solidarietà che accompagni le persone in difficoltà. Il tessuto sociale della nostra città, nella sua complessità, offre una rete di protezione e assistenza in grado di far fronte a molte situazioni di disagio.

Grazie al ruolo insostituibile del volontariato, Viareggio oggi è una comunità solidale che mette al centro le persone e le famiglie: penso all’attenzione verso i minori, gli anziani e le persone con disabilità, alla rete di accoglienza e protezione, alle misure per il contrasto alla povertà, alle politiche abitative. Queste le nostre priorità per i prossimi cinque anni:

• Rafforzare il sistema di offerta differenziata e graduale dei servizi a sostegno dell’abitare: dai servizi a bassa soglia per le persone senza dimora all’emergenza abitativa in cohousing, dall’inserimento provvisorio in alloggio per le situazioni socio sanitarie più vulnerabili alla casa popolare, dall’ affitto a canone agevolato in alloggi pubblici all’accompagnamento sul libero mercato.

• Proseguire nella linea di ‘aiuto nel rigore’, per non lasciare coloro che ne hanno titolo fuori dai percorsi di assistenza, ma al tempo stessoimpedire e sanzionare abusi e situazioni non corrette.


• Allargare e potenziare l’offerta educativa 0-6 e potenziare presso le scuole di ogni ordine e grado di supporto gli interventi di contrasto alla povertà educativa, di educazione alla convivenza democratica e di lotta contro ogni forma di discriminazione xenofoba e omotransfobica.

• Riunificare la direzione degli uffici casa, sociale e scuola sotto la guida di un unico dirigente dedicato esclusivamente all’area complessa “servizi alla persona” e potenziare gli organici tecnici e amministrativi degli uffici casa e sociale


• Rafforzare la sinergia con Enti del Terzo settore (attraverso prosecuzione del lavoro per tavoli tematici e protocolli di intesa) per attivare percorsi virtuosi e investire nell’innovazione sociale, perché gli interventi di assistenza delle categorie vulnerabili costituiscono una leva centrale nello sviluppo della socialità, dell’ambiente, della salute e della crescita anche economica della nostra città

• Potenziare il lavoro intercomunale svolto a livello della zona socio sanitaria Versilia, per aumentare in termini numerici assoluti e rendere più efficienti i servizi per la disabilità e la non autosufficienza, coordinare meglio i servizi sociali e quelli sanitari territoriali e specialistici, ridurre le distanze tra AUSL e territorio.

Sostenere la solidarietà e la cittadinanza: recuperare e riqualificare spazi pubblici per favorire l’incontro e l’integrazione intorno a progetti specifici (or. urbani, spazi condivisi, ecc.), individuare spazi per il co-housing (per anziani e diversamente abili – dopo di noi), recuperando spazi pubblici e favorendo il recupero di spazi privati, individuare soluzioni per rispondere all’emergenza abitativa di brevissimo termine.

LA SCUOLA E IL CONTRASTO ALLA POVERTA’ EDUCATIVA

In questi mesi tutti noi abbiamo sentito la mancanza della scuola come luogo di formazione e di aggregazione per i nostri bambini e ragazzi. Gli edifici scolastici necessitano di manutenzione costante per garantire la sicurezza e la funzionalità ai tanti studenti. Abbiamo sollecitato spesso interventi a livello nazionale e quando sono arrivati fondi dedicati, li abbiamo immediatamente investiti nelle nostre scuole. Siamo consapevoli e convinti che investire nell’istruzione significhi investire nel futuro. Lo dimostrano le risorse destinate dall’ente comunale per l’assunzione di nuovo personale educativo e i 5 milioni di euro destinati agli edifici scolastici.
Abbiamo una serie di proposte che elenchiamo sinteticamente:


• Un progetto dedicato ai ragazzi in età dell’obbligo scolastico che si occupi di attività ricreative ed educative durante il periodo estivo. Partendo da quanto è stato attivato presso il quartiere Varignano, si potrebbe estendere l’iniziativa ad altre realtà territoriali.

• Un’attività di doposcuola che, partendo da quanto attivato nel quartiere Varignano, potrebbe essere estesa anche a Torre del Lago e ad altri quartieri.
Progetti scolastici di didattica ambientale
Ci attiveremo inoltre, da subito, affinché possa essere di nuovo garantito il servizio di trasporto scolastico con mezzi elettrici.

LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE

Una città accogliente e dinamica è una città più sicura e più libera. Il grande lavoro di controllo e monitoraggio svolto dalla Polizia Municipale e dalle Forze dell’Ordine ha consentito di garantire il rispetto delle regole di controllare il territorio in modo capillare e costante anche grazie all’implementazione del sistema di videosorveglianza, attivo per esempio in Piazza Dante e in Passeggiata. Un servizio che sarà esteso ai punti sensibili della città.

Sulla percezione della sicurezza è importante proseguire il lavoro svolto per garantire la tranquillità delle persone e delle famiglie che sono sul territorio: particolarmente sensibile è la questione delle Pinete (una risorsa insostituibile in termini di attività ludiche e sportive); in questa zona, per renderla più vivibile e più sicura, si potrebbe pensare ad un prolungamento dell’orario e /o del periodo di apertura delle varie attività.

LO SPORT E IL TURISMO

Il rilancio della città ha attivato un circuito virtuoso con importanti ricadute anche in ambito lavorativo: le manifestazioni di livello internazionale come il Versilia Yachting Rendez-vous e Yare, il turismo congressuale, le iniziative di promozione del territorio e del tessuto economico e produttivo, le manifestazioni sportive come la Viareggio Cup, diventata nei giorni scorsi evento della città, sono il segnale di una città vivace e in movimento.

Il 41% delle presenze turistiche dell’intera Versilia ricade sul territorio di Viareggio: considerando l’uscita definitiva dal dissesto è arrivato il momento di investire implementando l’Ufficio turismo del Comune e creando un punto di accoglienza all’avanguardia, che abbia modalità moderne e funzionali: il turismo è una scienza e come tale va trattato, almeno sotto l’aspetto tecnico.

Il percorso iniziato con l’Ambito Turistico della Versilia, promosso dalla Regione Toscana, sta crescendo e presto darà i suoi frutti: aver trovato finalmente intesa tra i sette Comuni che compongono il nostro territorio non può altro che essere un valore aggiunto per l’immagine e la crescita della nostra città. L’Ambito Turistico ha la finalità di occuparsi di promozione e accoglienza: farlo in forma condivisa rafforza il territorio incrementando l’economia. Presto ci sarà il passaggio di consegne della presidenza della conferenza dei sindaci che oggi è detenuta da Forte dei Marmi: Viareggio deve presentarsi all’appuntamento pronta e strutturata.

Dagli stabilimenti balneari alle spiagge del Parco, Viareggio offre ai turisti amplissimi ventagli di opportunità.
Di tutta la costa della Versilia solo il Comune di Viareggio può vantare un vasto tratto di spiaggia in una importante riserva naturale fortemente apprezzata da una grande fetta di turismo sempre più sensibile all’ambiente. Senza trascurare il collegamento con le città d’arte vicine e con gli itinerari montani che assicurano un ulteriore sbocco e risorsa. Lavorare per avvicinare la Toscana a Viareggio sarà uno degli obiettivi del prossimo mandato: dalle infrastrutture viarie, al collegamento con gli aeroporti, agli spostamenti su rotaia, Viareggio deve essere snodo cruciale per tutta l’area costiera.

Turismo e Sport sono per la nostra città, un binomio importante: sia per le manifestazioni ad esso legate sia per la destagionalizzazione, parola magica del settore. Per questo, con il rafforzamento degli uffici, verrà creata una cabina di regia capace di organizzare, sostenere e mettere a sistema tutte le iniziative, che dovranno gioco forza dialogare e interagire con il tessuto economico della città.

Nei prossimi anni i lavori, appena iniziati, ci consegneranno impianti sportivi e aree attrezzate efficienti, a norma e usufruibili da tutti.
Dallo stadio dei Pini, che potrà ospitare anche iniziative musicali e artistiche, alle altre strutture, tutti torneranno a disposizione della comunità: il complesso Vasco Zappelli è in fase di completa ristrutturazione e lo Stadio Ferracci a Torre del Lago, che accoglie nuove discipline, è stato completamente rinnovato, il campo da basket nella Pineta di Levante, il centro polivalente a Torre del Lago e le bocciofile inserite in aree verdi.

Uno dei prossimi obiettivi sarà quello di acquistare dal privato la piscina che, dal 2014, non è più comunale.

E poi gli sport da spiaggia – con strutture apposite che possano consentire di svolgere l’attività per tutto l’anno, al surf: abbiamo di recente iniziato l’iter per la realizzazione di docce e spogliatoi destinati ai surfisti – e gli sport sul lago, con i lavori al porticciolo di Torre del Lago che garantirà un luogo unico nel suo genere, ma soprattutto bello, accessibile e sostenibile per gli amanti della vela. Infine ma non per ultimo, lo sport libero: le nostre pinete sono una risorsa per chiunque pratichi sport all’aria aperta. Vogliamo migliorare ulteriormente, sia nel numero sia nella qualità, le aree attrezzate per fornire a tutti la possibilità di praticare attività fisica, costituendo anche percorsi benessere sentieri per camminare fra verde, arte e bellezza.

Ma la pratica sportiva si lega anche al mondo del volontariato: sosterremo con ancora più determinazione tutte le realtà associative che fanno sport per gli altri e veicolano messaggi importanti.

TUTELA DEGLI ANIMALI

Viareggio è dotata di un Canile Sanitario, accreditato da quest’anno come Canile Rifugio, un passo avanti per la nostra struttura che si conferma importante e ben curata. Per migliorarla ulteriormente abbiamo pensato a dotarlo di un’area di sgambatura dove i cani, sotto la sorveglianza degli operatori del canile o dei conduttori, potranno attivare la loro piena libertà motoria. Lo sgambatoio, con accesso diretto al canile, verrà predisposto sul retro dei capannoni dell’Associazione “Il Germoglio” (Area insistente sul mappale 378 nella porzione compresa tra i mappali 817, 818, 819, 821), area attualmente dismessa.

Contestualmente verrà richiesta alla Azienda Sanitaria locale la possibilità di attivare a Viareggio, un distaccamento dell’anagrafe canina, presente adesso per tutta la Versilia solo a Pietrasanta, in modo di facilitare le pratiche relative ai documenti di identità e ai microchip degli animali da compagnia.

IL BILANCIO COMUNALE

Quando ci siamo insediati, nel 2015, Viareggio usciva da un commissariamento conseguente alla dichiarazione del dissesto.
I primi anni li abbiamo necessariamente dedicati ai conti pubblici: era necessario fare chiarezza, organizzare le tante società partecipate, predisporre un piano per uscire da questa situazione e ritornare ad investire nella città.

E’ stato un lavoro difficile che ha richiesto un grande sforzo collettivo. A partire dai cittadini e dalle imprese di Viareggio che, per primi,hanno subito questa situazione e sofferto le conseguenze di una situazione economica pesante. Oggi, finalmente, il dissesto è alle spalle, il nostro bilancio è sano e attivo, lavoriamo con le nostre senza far ricorso ad anticipi di tesoreria, possiamo finalmente investire per la città e per la comunità.

IL COMUNE: LA CASA DEI CITTADINI

Dopo gli interventi per il risanamento del bilancio comunale, la riorganizzazione delle partecipate, l’assunzione di nuovo personale saranno attivati interventi di riorganizzazione a favore dei cittadini, dei professionisti e delle imprese.
Il progetto è realizzare un portale di servizi on-line per consentire di ricevere sul proprio dispositivo elettronico (smartphone/tablet/Pc) i certificati Anagrafici e di Stato Civile, senza doversi recare presso gli sportelli comunali.

Questo permette a studi notarili o legali, pubbliche amministrazioni ed ai privati di generare tutti i certificati di cui hanno bisogno in modo autonomo. Anche i cittadini AIRE (gli iscritti all’anagrafe estera) potranno utilizzare il servizio per i certificati di loro pertinenza.
I certificati emessi in formato PDF, firmati digitalmente dal Sindaco, resi validi e autentici grazie alla tecnologia del Timbro Digitale, potranno essere utilizzabili in formato PDF o stampati su carta.

Inoltre tramite il portale on line sarà possibile pagare le multe e verificare lo stato delle proprie pratiche presentate presso l’ufficio edilizia ed il Suap, oltre che accedere agli atti pubblici. L’obiettivo è quello di rendere la Pubblica Amministrazione sempre più vicino al cittadino e consentire un accesso facile a tutti”.

LE FOTO:

(Visitato 514 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Slider

ultimo aggiornamento: 12-10-2020


Del Ghingaro: “Che strano autunno… c’è perfino chi fonda quello che già è stato fondato”

Strascichi di campagna elettorale sul primo consiglio comunale a Viareggio